Finanziamento di 1,5 milioni per presidi di Mede e Robbio

Due cofinanziamenti per altrettante Caserme dei Carabinieri in provincia di Pavia: la prima nel Comune di Mede per 168.250 euro e l’altra, a Robbio, per 1,2 milioni di euro. Lo stabiliscono due delibere approvate dalla Giunta regionale, con il concerto degli assessori a Enti locali e Programmazione Negoziata, Massimo Sertori e alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato che prevedono l’avvio e la realizzazione degli interventi previsti nell’ambito di Accordi di programma per la riqualificazione di caserme esistenti o per la realizzazione di nuovi presidi in Lombardia.

CASERMA DI MEDE – L’Accordo di Programma per la riqualificazione e ampliamento della Caserma dei Carabinieri di Mede (PV) determina per Regione Lombardia un cofinanziamento pari a 168.250 euro su un costo totale dell’intervento stimato attorno ai 336.500 euro. Le risorse messe a disposizione verranno utilizzate per la riqualificazione ed ampliamento della caserma al fine di migliorarne la funzionalità e di adeguarne le strutture e gli impianti, in particolare attraverso il miglioramento dell’accessibilità dell’edificio e l’adeguamento sismico delle strutture.

CASERMA DI ROBBIO – La seconda delibera approva l’adesione di Regione Lombardia alla proposta di Accordo di Programma per la realizzazione della nuova caserma dei Carabinieri nel Comune di Robbio(PV) e il recupero funzionale di un’area degradata. Su un costo totale dell’intervento pari a 2,5 milioni di euro, l’AdP determina per Regione Lombardia un impegno al cofinanziamento di 1,2 milioni di euro. L’AdP prevede la realizzazione della nuova caserma dei Carabinieri adibita in parte a caserma ed in parte ad uso alloggi per le forze dell’ordine.

SERTORI: CONFERMA ATTENZIONE REGIONE LOMBARDIA – “Investendo impegno e risorse importanti – ha spiegato l’assessore Massimo Sertori – confermiamo la grande attenzione di Regione Lombardia verso la sicurezza, la legalità, la qualità della vita dei cittadini e il contrasto alla criminalità. Ancora una volta lo strumento della programmazione negoziata si è rivelato efficace per sostenere interventi di elevato interesse regionale e realizzare sul territorio lombardo nuove sedi per l’accasermamento dei reparti dell’Arma dei Carabinieri”.

DE CORATO: PRESENZA CAPILLARE È TASSELLO FONDAMENTALE – “Regione Lombardia, con questi due co-finanziamenti, che arrivano a coprire in entrambi i casi la metà dei costi totali d’intervento stimati, ha dimostrato ancora una volta di avere a cuore i bisogni dei Lombardi, con un particolare riferimento alla loro sicurezza. Ritengo che la presenza capillare delle forze dell’ordine, in particolare dell’Arma dei Carabinieri, sul territorio anche lontano dai grandi centri urbani, sia un tassello fondamentale che aiuta i cittadini a non sentirsi abbandonati dalle istituzioni nelle quotidiane esigenze legate alla legalità e non solo. L’ampliamento, la ristrutturazione e la costruzione di nuove Caserme dell’Arma sul territorio lombardo, sono, in questo senso, un segnale importante”.

PIANI: ATTENZIONE A TERRITORIO – “Ringrazio la Giunta regionale – ha detto l’assessore alle Politiche per la famiglia e pari opportunità – per l’attenzione che ha riposto sul territorio pavese in merito a temi molto sensibili come la sicurezza pubblica e la legalità. Queste iniziative infrastrutturali rappresentano un segnale significativo che mira a rendere più agevole il compito di chi lavora per difendere l’incolumità dei cittadini”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin