Effetto Brexit: a Londra regali di Natale in anticipo

E’ corsa a fare scorte. Una Brexit senza accordo infatti porterebbe il caos a Londra e nel Regno Unito. L’istituto di credito Premium Credit ha effettuato una ricerca sui consumi ed è emerso che i britannici hanno speso 4 miliardi di sterline (4,3 miliardi di euro) per mettere da parte provviste in caso di un’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea senza accordo, il no-deal. Una persona su cinque avrebbe già messo da parte da parte cibo e altri prodotti in vista del 31 ottobre, data entro la quale il nuovo primo ministro Boris Johnson si è impegnato a concludere Brexit a qualsiasi costo.

Alcune aziende lo hanno fatto. La catena di pizzerie Domino’s ha detto di avere speso 7 milioni di sterline per mettere da parte ingredienti d’importazione che potrebbero diventare irreperibili nel Regno Unito nel caso i rapporti commerciali con gli altri paesi non fossero regolati per qualche tempo. Domino’s importa circa un terzo delle materie prime che usa nel Regno Unito, tra cui salsa di pomodoro, carne di pollo surgelata, ananas e tonno. Acquista direttamente nel paese invece farina e formaggio. Tra le altre aziende che da mesi stanno facendo scorte ci sono le catene di fast food McDonald’s, KFC e Pret a Manger, e alcuni supermercati. Si teme che in caso di Brexit senza accordo i prezzi di certi prodotti possano aumentare tantissimo e che molte merci andranno esaurite in fretta. Per quanto riguarda i farmaci, il 75 per cento arriva nel Regno Unito dall’Unione Europea, direttamente o in transito.

Tra i cittadini più ricchi c’è chi sta importando automobili di lusso, per evitare tariffe doganali maggiori in caso di Brexit senza accordo. Nell’ultimo anno sono state importate nel Regno Unito più di 3.800 automobili di lusso, il 16 per cento in più rispetto ai dodici mesi precedenti, secondo lo studio legale Boodle Hatfield, che prevede che dopo una Brexit senza accordi importare merci del genere potrebbe costare il 32 per cento in più. C’è poi chi si sta attrezzando per acquistare i regali di Natale in largo anticipo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin