Soccorsi diportisti in difficoltà nello specchio acqueo antistante l’abitato di Coccorino

134

Nei giorni scorsi, personale dipendente dalla Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Gioia Tauro ha prestato soccorso a un natante da diporto in difficoltà nello specchio acqueo antistante l’abitato di Coccorino (VV), nei pressi degli Scogli della Galea a sud di Capo Vaticano. Su segnalazione della Capitaneria di porto di Vibo Valentia, la Sala Operativa della locale Capitaneria di porto è stata informata della presenza di un natante in difficoltà – una unità da diporto di circa 9 metri di lunghezza – che, a causa di una avaria agli impianti di bordo, si trovava nell’impossibilità di manovrare e di fare rientro in porto. Detta unità, a causa del vento e delle condizioni del mare non favorevoli, si trovava in balia delle correnti ed era ormai prossimo alla scogliera che occupa quel tratto di costa. Accertata la situazione di pericolo per i due diportisti presenti sul natante in avaria, è stato immediatamente disposto l’intervento della motovedetta CP 874, attualmente in servizio presso la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Gioia Tauro. Il personale operante sul dipendente mezzo di soccorso, giunto prontamente sul punto in cui si trovava, ormai alla deriva, l’imbarcazione in avaria, ha proceduto a prestare la necessaria assistenza, affiancando il mezzo e facendo sì di allontanarlo dalla scogliera e, dopo aver accertato le buone condizioni di salute dei diportisti presenti a bordo, ha scortato lo stesso all’interno della darsena servizi del porto di Gioia Tauro, dove i malcapitati hanno potuto finalmente raggiungere la terraferma senza conseguenze e in piena sicurezza. L’operazione compiuta si inserisce nella quotidiana attività della Capitaneria di porto di Gioia Tauro finalizzata al soccorso e alla salvaguardia della vita umana in mare. Si ricorda che, per le emergenze in mare, bisogna sempre chiamare il numero 1530, gratuito sul tutto il territorio nazionale e attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno. E’ quanto si legge in una nota stampa della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Gioia Tauro.