Crisi di Governo. I grillini contestano Conte: bagarre in Senato

134

Ci siamo davvero? Arriva la crisi di Governo? Matteo Salvini attende il momento giusto, aspetta che siano i grillini a spaccarsi, a fare autogol. Quanto avviene in queste ore è la riprova che i grillini stanno esplodendo. Il senatore di Forza Italia Giuseppe Moles pubblica su facebook una foto dell’Aula di palazzo Madama. “Informativa di Conte su caso cosiddetto RussiaGate al Senato, i banchi del M5S quasi del tutto vuoti… segnale politico violento di presa di distanza… da chi? Da Conte? Da Salvini? Dal loro governo? Ridicoli…” mette il dito nella piaga il parlamentare azzurro. Il premier Giuseppe Conte apre alla possibile crisi di Governo. “Da questo consesso ho ricevuto la fiducia per l’incarico da presidente del Consiglio e a questo consesso tornerò ove mai dovessero maturare le condizioni per una cessazione anticipata del mio incarico”. “La vicenda oggetto di questa informativa – argomenta il premier – è al vaglio della procura di Milano. Queste sono le informazioni che sono in grado di fornirvi, non ho ricevuto informazioni dal ministro competente. Allo stato non ci sono elementi che possono incrinare la fiducia che nutro nei componenti del governo”. Il premier alla fine prende un impegno. “Mi adopererò affinché tutti i ministri e i membri del governo vigilino col massimo rigore affinché negli incontri governativi a livello bilaterale siano presenti solo persone accreditate ufficialmente e tenute, per dovere d’ufficio, al rispetto del vincolo della riservatezza”. Polemiche per la decisione dei senatori grillini di non assistere all’informativa del capo del Governo. Dopo le prime schermaglie in aula, con i senatori dell’opposizione che attaccano, una nota ufficiale spiega la posizione del M5S. “Ribadiamo il nostro rispetto per il presidente Conte, ma oggi non era lui a doversi presentare nell’Aula del Senato per rispondere all’informativa sul caso Russia-Lega”. Ma dopo il “si” di Conte alla Tav i grillini sono sul piede di guerra…