Londra. Lacrimogeni usati in un treno ad Oxford Circus: diffuse immagini dei due sospetti

198

Attimi di panico sabato mattina su un treno della centrale fermata Oxford Circus. Si ipotizza l’uso di gas, pare lacrimogeni. Alcune persone hanno ricevuto subito assistenza perché colpite da tosse e difficoltà respiratorie.

Tuttavia secondo la polizia “non ci sono preoccupazioni sul loro stato di salute”. Le autorità al momento non temono qualcosa di più grave. Secondo la British Transport Police la sostanza usata nell’attacco sarebbe gas lacrimogeno, almeno a vedere i sintomi delle persone coinvolte. È caccia a due uomini bianchi (uno vestito con un gilet nero, l’altro con una T-shirt bianca), in fuga ma ripresi dalle telecamere, che avrebbero diffuso la sostanza ad Oxford Circus poco dopo le 9 nel vagone di un treno metropolitano, ora in “quarantena” per ragioni di sicurezza.

Il gas lacrimogeno sarebbe stato spruzzato con una bomboletta portatile nel corso di una rissa tra alcuni passeggeri. Lo precisa via Twitter la London Transport Police, confermando che si sta dando la caccia a due giovani uomini. La Polizia esclude quindi ipotesi di attentati terroristici, così come esclude al momento alcun rischio per la salute pubblica.

I sospettati sono bianchi, uno con i capelli scuri di all’incirca 30 anni e un altro con i capelli rossicci che sembra più giovane. Entrambi indossano jeans, maglietta e scarpe da ginnastica. La British Transport Police ha ricevuto segnalazioni dell’accaduto alle 09:13 di sabato (ora locale). La polizia ha chiesto a eventuali testimoni o a chiunque riconosca i due uomini dalle immagini di contattare le autorità.

Un passeggero che si trovava sulla metropolitana quando i due hanno rilasciato il gas conferma alla Bbc di aver visto due persone agire in maniera sospetta subito prima del gran trambusto che si è scatenato sui vagoni, alla stazione di Oxford Circus. All’improvviso, dice, “tutti si sono resi conto che non si riusciva a respirare”, spiegando che gli effetti del gas sono durati un’ora.