Cuneo sotto choc. Germano Sciandra uccide Marco De Angelis poi si spara

341

Incredulità e sgomento per quanto successo giovedì sera nel centro di Cuneo. Germano Sciandra ha parcheggiato l’auto ed è entrato in un negozio di articoli sportivi nel centro, uccidendo il titolare Marco De Angelis a colpi di pistola. Poi, nello stesso locale, si è tolto la vita sparandosi in testa. Sull’omicidio-suicidio i Carabinieri del comando provinciale. Il dramma si è consumato alla “Dimo Sport” in via Gustavo Ponza di San Martino, proprio dietro a piazza Galimberti. Armato di una pistola a tamburo un uomo di 65 anni, Germano Sciandra, originario di Mondovì, si è diretto verso il negozio poco prima delle 19, mentre il titolare, Marco De Angelis, 57 anni, era sulla soglia. Alla scena avrebbe assistito (in base a quanto scrivono le testate locali) un testimone. Gli ha sparato una prima volta e quando il negoziante, ferito, si è trascinato verso il retro cercando scampo, ha esploso altri due proiettili, questa volta mortali. Poi si è suicidato con la stessa arma. Il primo a dare l’allarme è stato un amico di De Angelis che sarebbe stato testimone del delitto. La soluzione dell’omicidio-suicidio che ha sconvolto Cuneo è affidata ai carabinieri e al pm Alberto Braghin della Procura di Cuneo. De Angelis, oltre che del negozio di articoli sportivi, era contitolare di un bar e di una palestra sempre nel centro di Cuneo. Sul movente per il momento i Carabinieri non si sbilanciano. Tuttavia la stampa locale riferisce che i due in passato avrebbero condiviso attività imprenditoriali e potrebbero esserci quindi questioni economiche come movente del delitto.