L’Italia e l’UE sono in una battaglia economica

121

L'Italia e l'UE sono in una battaglia economica
L’Italia e l’UE sono in una battaglia economica ph IL CORRIERE
E’ passato un po’ di tempo da quando un membro dell’Unione Europea si è scontrato con la Commissione Europea per le finanze, e quando diciamo “un po’ di tempo” intendiamo una settimana. Questa volta, è la volta dell’Italia sotto i riflettori, in quanto i funzionari dell’UE mettono in discussione la capacità del paese di gestire il suo carico di debito e di rispettare le rigide regole fiscali dell’Unione.* Si tratta di una grave crisi o solo di un altro caso di disaccordo interno che sarà presto risolto? Vestle è qui per dare un’occhiata più da vicino. Come è iniziato l’attuale conflitto? Nell’ottobre 2018, l’Italia e l’UE sono state messe in rotta di collisione. I leader populisti italiani Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno dichiarato che manterranno le loro promesse elettorali di garantire il reddito di cittadinanza e di abbassare l’età pensionabile. Perché obiettivi apparentemente nobili aggraverebbero i funzionari dell’UE, domanda? La risposta è il denaro. Il rispetto di questi due impegni richiederebbe fondi consistenti che avrebbero un impatto sugli obiettivi di deficit dell’Italia**. Il piano di spesa dell’Italia è stato prontamente respinto ed entrambe le parti sembrano non essere disposte a cambiare posizione. Dopo alcune settimane di accesi negoziati, i leader italiani hanno acconsentito ad alcune concessioni, ma le sue azioni sono state ancora ritenute in contrasto con le regole dell’UE e Bruxelles ha risposto avviando una procedura disciplinare. L’Italia e l’UE lottano per trovare una via di mezzo Se questa fosse la fine della storia, ci sarebbe ben poco da riferire. Tuttavia, nelle ultime settimane la situazione si è aggravata e l’Italia ha promosso obiettivi fiscali che comporterebbero la fine dell’accordo sul bilancio comunitario. Il principale motivo di preoccupazione della Commissione è il debito dell’Italia, che non si è ancora ridotto a sufficienza. Il 29 maggio 2019 la Commissione ha inviato una lettera di avvertimento e se l’Italia non si adegua, il risultato potrebbe essere una sanzione. Il 5 giugno l’Unione Europea ne aveva finalmente avuto abbastanza. Ha fatto il primo passo nel percorso di disciplina dell’Italia, e non si tratta di uno schiaffo al polso. La pena potenziale potrebbe arrivare fino a 3,5 miliardi di euro. Questo, naturalmente, ha portato la controversia tra Roma e Bruxelles ad un livello completamente nuovo. Il conflitto riceve molta attenzione La crisi attuale non viene gestita a porte chiuse. Mentre il governo italiano promuove la propria agenda e preferisce prendere decisioni indipendenti, l’UE è ferma nel prevenire ulteriori violazioni delle norme fiscali dell’UE. Il ministro italiano delle finanze Giovanni Tria ha scritto una lettera alla Commissione europea in risposta alle sue preoccupazioni. Una bozza della lettera è trapelata rapidamente. Nel frattempo, Pierre Moscovici, commissario europeo per gli affari economici e finanziari, ha dichiarato in un’intervista che all’Italia non sarà consentito ignorare le regole, ma ha anche detto che preferisce evitare sanzioni**. Entrambe le parti si sono criticate apertamente e, come suggeriscono i titoli degli articoli di Vestle News e di Bloomberg, nessuno si tiene per sé le proprie opinioni. Cosa c’è dopo? Mentre sembra che l’attuale numero si concentri sul carico del debito, non commettere errori: sotto la superficie, le parti sono in disaccordo su numerosi argomenti tra cui l’immigrazione, il controllo centralizzato dell’UE e la spesa. Questo specifico disaccordo è sintomo di un crescente malcontento tra i vari Stati membri dell’UE, che mette a rischio l’esistenza stessa del sindacato. Anche se l’Italia non sarà rimproverata finanziariamente, il processo disciplinare stesso potrebbe influire sulle sue relazioni con le imprese dell’UE e danneggiare il suo potere politico.*** Attualmente è impossibile valutare quando e come la crisi sarà risolta. Il carico del debito dell’Italia non va da nessuna parte, e saranno necessarie azioni drastiche per ridurlo. L’Italia è disposta a fare i sacrifici necessari o assisteremo ad un’ulteriore escalation delle relazioni del Paese con i responsabili delle politiche finanziarie dell’UE? Rimanete informati, state all’erta e vedete come reagirà il mercato. I materiali contenuti in questo documento sono stati creati in collaborazione con Vestle e non devono in alcun modo essere interpretati, in modo esplicito o implicito, direttamente o indirettamente, come una consulenza finanziaria, una raccomandazione o un suggerimento di una strategia di investimento in relazione ad uno strumento finanziario, in qualsiasi maniera. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 86.9% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Avvertenza: https://www.vestle.it/legal/analysis-disclaimer.html