Roma. Omicidio suicidio in via Santi Cosma e Damiano: trovati in camera da letto

231

Marito e moglie di 78 e 74 anni distesi sul letto della loro camera da letto. In base ai primi accertamenti per gli investigatori si tratterebbe di un omicidio-suicidio. Sarebbe stato il marito a sparare alla moglie un colpo alla testa per poi togliersi la vita, con un altro colpo. È successo in via Santi Cosma e Damiano, zona Tomba di Nerone, a Roma. “Avevano difficoltà a pagare l’affitto”. È stato trovato un biglietto nella casa dei coniugi trovati morti. Nel messaggio l’uomo avrebbe lamentato difficoltà economiche nel pagare l’affitto. Secondo quanto si è appreso, il marito ha colpito al collo con un colpo d’arma da fuoco la moglie e poi si è suicidato sparandosi alla testa. L’allarme è stato dato dalla sorella di lei che abita fuori Roma. La donna da ieri non riusciva più a contattarli. Non rispondevano al telefono fisso, né al cellulare e allora l’anziana sorella spaventata ha chiesto aiuto alla Polizia. Sul posto sono arrivati gli agenti del commissariato Flaminio nuovo, insieme al magistrato e agli operatori del 118 e ai vigili del fuoco. Da chiarire ancora la causa della morte. Gli investigatori hanno trovato una calibro 38, canna lunga, regolarmente registrata dall’uomo, avvocato civilista. La pistola è stata trovata sul letto, tra i corpi della moglie e del marito. Non si esclude nessuna ipotesi. Gli investigatori stanno verificando se alla base di questo gesto ci possano essere stati anche dei problemi economici.