Spoleto non dimentica L’Aquila! Il premio “Le Rosse Pergamene del Nuovo Umanesimo”

333

SPOLETO – Il 29 giugno, alle ore 18, presso la Galleria Poli d’Arte in piazza della Signoria a Spoleto, approda il Premio Le Rosse Pergamene del Nuovo Umanesimo della poetessa e scrittrice romana Anna Manna. Il Premio è alla sua 18^ edizione. Nella piazza gioiello di Spoleto, durante la magia del Festival dei due Mondi, si accendono le luci sulla cultura aquilana rinnovando il ricordo del terremoto del 6 aprile 2009 nell’anno del decennale. Sarà infatti premiata la nota poetessa Anna Maria Giancarli e la sua Antologia “La parola che ricostruisce” (Bertoni editore, Perugia), idea letteraria nata subito dopo il terremoto, che ha raccolto tante firme della poesia italiana attorno alla tematica drammatica, ma soprattutto attorno alla speranza che scaturiva vigorosa negli animi provati dal dramma.

Anna Manna
Si deve registrare infatti la risposta, la reazione fortemente positiva della cultura aquilana all’evento tragico di quell’anno tremendo che cancellò non solo il paesaggio ma la vivace attività culturale del salotto letterario d’Italia, come veniva chiamata L’Aquila. Ma fu breve il silenzio e l’angoscia si tramutò presto in reazione di grande dignità e forte impegno. Sono fiorite così mille iniziative, riallacciate mille abitudini letterarie, consolidate amicizie con la cultura delle altre città italiane, in una girandola di proposte che illumina il valore consapevole e grintoso della cultura aquilana. Anna Maria Giancarli, all’apice della sua carriera poetica, con tranti riconoscimenti e premi, si è rimboccata le maniche ed ha riunito nel nome della città una scia di adesioni notevolissima. Il 29 giugno questo miracolo di amicizia poetica si rinnoverà a piazza della Signoria a Spoleto nella Galleria di Anna Maria Polidori, dove Anna Manna con il prezioso sostegno di Sandro Costanzi premierà l’antologia di Anna Maria Giancarli con la Pergamena dell’amore, già ricevuta da Carla Fendi nella Biblioteca della Camera dei Deputati negli anni precedenti.
Anna Maria Giancarli
Alla manifestazione è stata invitata come Ospite d’onore la direttrice artistica del Festival dei due Mondi Teresa Bettarini per la quale, come omaggio al Festival, la pittrice di fama internazionale Eugenia Serafini ha dipinto su carta pergamena la poesia di Anna Manna dedicata ed ispirata al Manifesto di David Lachapelle per il Festival di quest’anno. Tra i Premiati, oltre Anna Maria Giancarli con “La parola che ricostruisce”, la pittrice Giovanna Gubbiotti di Spoleto per la Sezione “Poesia e pittura”, con il dipinto dedicato a Piazza Pianciani abbinato alla poesia La prima estate di Anna Manna. Prestigiosa Madrina di questa sezione la pittrice Eugenia Serafini. La Coppia di poeti Carla Barlese ed Ivano Baglioni saranno nominati Coppia poetica dell’anno 2019! Altro premiato eccellente il fotografo d’arte Mario Giannini per lo splendido servizio fotografico su Matera. Per la Narrativa sarà insignita la scrittrice di racconti Augusta Romoli di origine spoletina, che vive a Firenze.
Eugenia Serafini
Così Spoleto, L’Aquila, Matera e Firenze si troveranno abbracciate in una simbiosi artistica che potrà delineare nel futuro molte occasioni di scambio e confronto culturale. Durante la manifestazione la poetessa Anna Manna leggerà la sua poesia per il Manifesto di David Lachapelle e annuncerà la “Vendemmia letteraria in Umbria” per l’autunno. Una manifestazione che si snoderà tra Campello sul Clitunno e Spoleto. Alle Fonti del Clitunno dunque per ritrovare il valore della poesia e rilanciare le necessarie e positive azioni per la rinascita di un Nuovo Umanesimo. Saranno presenti all’evento l’editore dell’Antologia, Jean Luc Bertoni, e i poeti Luca Succhiarelli e Ugo Capezzali. Oltre alle sue liriche Capezzali darà la sua magnifica voce recitante ai testi degli altri autori. Questi i poeti presenti nell’Antologia “La parola che ricostruisce”, curata da Anna Maria Giancarli: Mariano Baino, Nanni Balestrini, Franca Battista, Tomaso Binga, Ugo Capezzali, Vilma Costantini, Gaetano Delli Santi, Tommaso Di Francesco, Nicoletta Di Gregorio, Donatella Di Pietrantonio, Francesca Farina, Michele Fianco, Giovanni Fontana, Anna Maria Giancarli, Paolo Guzzi, Carmine Lubrano, Dante Maffia, Valerio Magrelli, Dacia Maraini, Marcello Marciani, Enzo Minarelli, Renato Minore, Giorgio Moio, Vito Moretti, Francesco Muzzioli, Marco Palladini, Massimo Pamio, Elio Pecora, Plinio Perilli, Lamberto Pignotti, Mario Quattrucci, Ivan Schiavone, Stevka Smitran, Fausta Squatriti, Luca Succhiarelli, Marco Tabellione, Adam Vaccaro, Kikuo Takano (Giappone) Michel Faber (Paesi Bassi) Yang Lian (Cina).
Spoleto, piazza della Signoria

La poesia di Anna Manna per il Manifesto firmato da David Lachapelle per il Festival dei due Mondi 2019

  A SPOLETO L’OCEANO Le statue tacciono Piazza del Duomo arde nel silenzio L’acqua delle fontane s’accuccia nelle fonti una partita di tennis s’appropria del silenzio mentre la siesta fiacca le ginocchia  rimbalza l’ipotesi avanza il dubbio come la palla della partita a tennis della vita la brezza è lieve coinvolge soltanto i fiori più fragili le foglioline sprovvedute Come sei docile sembri soltanto una brezza umida d’acqua e sei OCEANO Sembri giocare con la nuova stagione del mondo e ti stai giocando l’anima Sento qualcosa in lontananza come un fremere d’acque ecco adesso un boato d’azzurro mare della mente spruzzi di mare su Spoleto un’acqua nuova forse un lavaggio dell’anima del mondo una finestra sbatte una forza sta arrivando volano nell’aria petali di rose , le spine ammansite dall’Arte. Ecco avanza lo sento sei mare nel cielo del Duomo marea nella mente sei nembo sei tuono s’addensa il presente nel lampo su Monteluco che avvampa di luce un fulmine rischiara le piazze scompaiono porte e cancelli è tempesta di chiavi freme la terra madre di tutti e tutti fremono dello stesso brivido di pace Ali all’Oceano Ali per volare Acqua per un lavaggio universale dalle guerre dall’odio dalle vendette Ali all’Oceano È un vortice di spuma Anelli giganti Buchi neri dei secoli Non vedo l’orizzonte Non vedo limiti Al dialogo Non vedo limiti Alla Speranza Che avanza avanza avanza… Tra le vie di Spoleto il cicaleccio denso della cultura incontri e confronti come sirene le proposte e le ipotesi di vita nuova avvolgono le mani intorpidite e scroscia l’applauso ai nuovi mondi che avanzano capaci di solcare l’Oceano! Anna Manna