Venezia. Eleonora Rioda trovata morta nel giorno di Pasqua

Per conto di star internazionali si era occupata per organizzare loro eventi, feste, compleanni, matrimoni. Eleonora Rioda, 37 anni, è stata trovata morta nel suo appartamento il giorno di Pasqua. Nonostante l’intervento di un’ambulanza e dei carabinieri, non è stato possibile salvarla. La giovane imprenditrice, la cui famiglia vive alla Giudecca, ultimamente aveva avuto qualche problema di salute.

Eleonora Rioda era molto conosciuta grazie all’agenzia che aveva fondato nel 2009, “Venice First”, una delle prime in città ad occuparsi di eventi di lusso. Nonostante la sua riservatezza quando lavorava, due anni fa era divenuta nota per aver organizzato il matrimonio di una coppia molto social come Alice Campello e il calciatore Alvaro Morata. Nozze in Basilica del Redentore, festa con familiari e amici al JW Marriot Venice, l’isola delle rose, con gli occhi di 10 milioni di follower addosso.

Aveva iniziato facendo la tour operator di lusso per “Abercrombie & Kent” e qui aveva scoperto una grande passione per l’organizzazione, la pianificazione degli eventi e la cura dei dettagli. Poi la scelta di trasferirsi in Olanda, dove aveva lavorato come account manager per “Dmc”. Dopo un periodo trascorso all’estero, Eleonora aveva deciso di tornare in Italia, nella sua Venezia. Una città speciale, che aveva sempre portato nel cuore e che fin da giovanissima aveva conosciuto, studiato, fino a scoprirne gli scorci più nascosti e più esclusivi che negli anni sono diventati i luoghi in cui portare i suoi clienti per organizzare i loro eventi. Era ripartita facendo l’accompagnatrice a fianco delle guide turistiche, ma passo dopo passo era nata l’idea di una società come diceva lei. Ed era nata “Venice First”, con l’ufficio a San Trovaso, che collaborava nell’organizzazione degli eventi con l’hotel Cipriani, Il Marriot hotel, l’Aman resort e in generale con tutti i protagonisti del turismo di lusso e della cultura.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin