Juve-Atletico. Ronaldo: passiamo noi

282

Non ha dubbi Cristiano Ronaldo. La gara è “difficile” per la Juventus ma “se giocheremo bene, passeremo”. “L’Atlético è una squadra che ha giocato due finali di Champions negli ultimi quattro anni, candidata a vincere la Champions League. Lo sappiamo, sarà difficile, ma se giocheremmo bene, passeremo” garantisce il marziano. CR7 sui media per il momento allontana le voci che lo vorrebbero di nuovo al Real Madrid dopo il ritorno di Zidane. I giornalisti spagnoli ne sono certi ma lui smentisce. “Sono felice in Italia in un campionato così competitivo e il mio personale bilancio è molto positivo. Mi sento adatto al campionato italiano, difficile secondo me, il più difficile per gli attaccanti. Un campionato con molta qualità, non mi aspettavo che ne avesse così tanta. Sono felice, la mia famiglia e i miei figli sono felici. Tutto è positivo”. Cristiano evidenzia come “in Italia è più difficile segnare che nella Liga spagnola che è più aperta, le squadre rischiano di più, la priorità qui è difendersi bene e poi attaccare, in Spagna non è così, c’è sempre un gioco più aperto, per quasi tutte le squadre. Il campionato in cui è più difficile segnare è quello italiano”.

Pronti per la rimonta

Per rimontare lo 0-2 dell’andata serve la prestazione perfetta in tutto e per tutto, dal primo all’ultimo minuto, sia esso il 90′ o il 120′ dopo i due tempi supplementari, ma soprattutto quel colpo di testa, quella “follia” annunciata da Allegri. “Quando gli ostacoli sono così grossi, magari li passi e ti ritrovi in finale”. Così Max Allegri. L’impiego di Spinazzola, senza esperienza in Champions League, arriva nel momento chiave della stagione. Il tecnico conosce bene i suoi calciatori. Le quotazioni di Spinazzola hanno superato quelle di Caceres, che a fronte di una carriera di primissimo piano sta vivendo un presente che somiglia più a una parabola discendente. Spazio al giovane esterno italiano e in attacco a Bernardeschi, apparso in grado di far cambiare passo alla Juve nella partita d’andata nonostante la manciata di minuti concessa da Allegri. Ruoli invertiti con Dybala, che a Madrid partì titolare per poi abbandonare il campo dopo una prova anonima. Oggi sarà il fantasista toscano a partire dal primo minuto, lasciando alla Joya il ruolo di guastatore a partita in corso.

I titolari

Andrea Pirlo è intervenuto su Sky prima del match tra Juventus e Atletico. “C’è grande voglia, in queste gare, non capitano ogni giorno – ha spiegato -. L’esordio Champions di Spinazzola? Io ero tranquillo alla prima, lui mi sembra un ragazzo sulle sue, credo che la vivrà nel migliore dei modi. E’ l’occasione della vita, è fondamentale per la storia della Juve e per questa stagione, deve viverla al meglio. Per la Juve è fondamentale segnare nel primo tempo, per mettere paura agli avversari”. In porta spazio a Szczesny, con Cancelo e Spinazzola sulle corsie laterali e l’inossidabile coppia Chiellini-Bonucci a chiudere gli spazi e gli inserimenti di Griezmann e Morata. Centrocampo a tre, con la possibilità di aumentare a quattro con la copertura di Bernardeschi, formato da Emre Can e Matuidi ai lati di Pjanic. In attacco Ronaldo e Mandzukic saranno i punti fissi.