Eurotower. Tassi d’interesse rimarranno fermi almeno fino a fine anno

137

Intervento della Bce per rilanciare l’economia europa. L’Eurotower ha modificato la forward guidance annunciando che i tassi d’interesse rimarranno fermi almeno fino alla fine del 2019. E in ogni caso “finché sarà necessario” per stabilizzare l’inflazione su livelli prossimi al 2%. La Banca Centrale Europea ha annunciato che, da settembre a marzo 2021, sarà lanciata una nuova serie di operazioni trimestrali mirate di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO-III), ciascuna con scadenza di due anni.

I tassi fermi

Il tasso principale rimane fermo allo 0%. Invece quello sui prestiti marginali allo 0,25% e quello sui depositi a -0,40%. La Bce ha modificato i suoi orientamenti previsionali in misura da far slittare la data del primo ipotetico rialzo al 2020. L’istituzione ha anche deciso una nuova serie di rifinanziamenti ultra agevolati di lungo termine alle banche, i “Tltro” di cui il primo verrà effettuato a settembre 2019 e l’ultimo nel marzo 2021. Questa terza serie di Tltro riguarderà rifinaziamenti a 2 anni di scadenza. Inoltre, sempre almeno fino a marzo 2021 le operazioni di rifinanziamento continueranno ad essere effettuate con piena soddisfazione delle richieste e a tassi fissi. La decisioni varate si spingono oltre le attese, anche se diversi osservatori avevano ipotizzato che sarebbero stati fin da subito decisi nuovi Tltro, alla luce del continuo peggioramento del quadro economico. La Bce ha poi confermato che continuerà a reinvestire “integralmente” i titoli in scadenza accumulati con il quantitative easing, “per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse e in ogni caso finché sarà necessario” per mantenere un ampio grado di accomodamento monetario.