Regionali Abruzzo. I grillini negano l’evidente disfatta

“Il dato è confortante, il Movimento 5 Stelle conferma il risultato di cinque anni fa. Il dato sconfortante è per gli altri…”. Sono le parole di Sara Marcozzi. La grillina nega l’evidente disfatta del suo partito. Matteo Salvini esulta. Al momento a lui conviene tenere attacca la spina per fare il pienone alle prossime regionali e soprattutto alle europee.

In 11 mesi al Governo con i grillini, la Lega raddoppia. Di Maio invece dimezza passando dal 39.6% alla metà dei consensi. Matteo Salvini attende di affondare il colpo. Prossimo obiettivo le regionali sarde, poi le elezioni europee e dopo deciderà. Il leader leghista potrebbe arrivare alla tornata regionale del 2020 accorpando le elezioni politiche anticipate o dare un’accelerazione a queste ultime.

Da non sottovalutare però la riedizione del bipolarismo: centrodestra contro centrosinistra. Forza Italia perde quasi un terzo dei voti rispetto a marzo, ma insieme a Fratelli d’Italia, è determinante per dare solidità governativa sui territori ed anche a livello nazionale allo stesso Capitano.

I grillini sono all’angolo. Oggi sono la terza forza politica. Domani, nell’obiettivo di Salvini, saranno irrilevanti. A quel punto da bravo stratega, l’erede di Silvio Berlusconi, avrà annientato il grillismo ed occupato lo spazio del centrodestra lasciato vuoto dal declino della leadership del Cavaliere.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin