Foibe pagina drammatica della storia ingiustamente dimenticata

“Questa dolorosa e drammatica pagina della storia è stata ingiustamente a lungo dimenticata. Ancor più, dunque, necessita di essere riletta, ricordata e commemorata”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana intervenendo, a Milano, alla cerimonia organizzata per il ‘Giorno del Ricordo’ delle vittime delle Foibe. Durante l’evento sono stati premiati gli studenti vincitori del XI edizione del concorso-premio “Gli altri italiani. Memorie e silenzi sulle vittime dell’esodo di massa d’Istria, Fiume e Dalmazia”, promosso dal Consiglio regionale.

“Lo dobbiamo – ha sottolineato il Governatore – alle 20 mila vittime (tanti furono gli uccisi nel periodo tra il 1943 e il 1947) e ai 250 mila esuli italiani costretti a lasciare le loro case. Lo dobbiamo alla storia del nostro Paese e dell’Europa tutta, la cui unità è la sola garanzia contro il ripetersi di terribili vicende. Lo dobbiamo, infine, alle generazioni future che hanno il dovere di conoscere e conservare la memoria di quanto accaduto al confine orientale”.

“Proprio alle scuole – ha proseguito Fontana – il Consiglio Regionale ha voluto guardare con l’istituzione del premio ‘Gli altri italiani. Memorie e silenzi sulle vittime dell’esodo di massa d’Istria, Fiume e Dalmazia’, giunto all’undicesima edizione. Quest’anno i vincitori si sono cimentati sul tema ‘Mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei Popoli’ che ben evidenzia la necessità di farsi attivi rispetto al ricordo. Il ricordo non è una fotografia da guardare su un libro di storia dalla pagine ormai ingiallite, ma un dovere morale che richiede impegno”. “Mi rivolgo quindi a voi – ha concluso Fontana -, cari studenti, affinché siate protagonisti in questo cammino della memoria e possiate farvi portatori di un messaggio di fiducia verso il futuro. A tutte i familiari e amici delle vittime di quei tragici eventi rinnovo il profondo cordoglio mio e dell’intera Giunta regionale”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin