Reggio Emilia. La Provincia celebra il Giorno della Memoria

88

Anche a Reggio Emilia, con una serie di iniziative, si è celebrato oggi il Giorno della memoria. Alle 10.30, nella sinagoga del capoluogo, si è tenuta la cerimonia istituzionale con la deposizione della corona commemorativa alla presenza delle autorità cittadine, tra cui il presidente della Provincia Giorgio Zanni ed il sindaco Luca Vecchi, e dei Gonfaloni di Provincia e Comune di Reggio Emilia. Giorgio Zanni ha visitato una mostra realizzata da Istoreco in collaborazione con il Museo Ebraico di Bologna su Arpad Weisz – uno dei più grandi allenatori di calcio degli anni Trenta (campione d’Italia e d’Europa con il Bologna) perseguitato dalle leggi razziali e deportato a Auschwitz. Intervenendo in sinagoga il presidente della Provincia ha ricordato le “tante iniziative che nei Comuni reggiani si stanno tenendo in questa giornata, non tanto come istituzioni, ma come comunità unite che intendono creare spunti di riflessione specialmente per i più giovani al fine di tenere viva e tramandare la memoria di un’epoca che non fu solo dolore e barbarie, ma anche resistenza e coraggio da parte di chi, spesso donando la propria vita, ha combattuto quelle barbarie”. “Allo stesso modo, oltre all’abominio delle leggi razziali dobbiamo ricordare anche la nostra bella Costituzione, a partire dal principio di eguaglianza sancito dall’articolo 3, perché trovi concreta attuazione nella vita quotidiana innanzitutto da parte di chi è chiamato a esercitare ruoli di governo delle nostre comunità”. E’ quanto ha aggiunto il presidente Zanni.