Crotone, discarica di Columbra: i portavoce del M5S presentano esposto in Procura

219

I rappresentanti del M5s in Parlamento, on. Elisabetta Barbuto e senatrice Margherita Corrado, ed i consiglieri del Comune di Crotone Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia, hanno depositato in data 04 gennaio 2019 un esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, per denunciare i disagi e i potenziali danni alla salute causati dalla discarica sita in località Columbra di Crotone agli abitanti delle zone limitrofe (frazione Papanice, quartiere Poggio Pudano, città di Cutro). “La popolazione – affermano i rappresentanti del M5s – di queste località, infatti, denuncia quotidiani disagi dovuti alla presenza, sull’abitato, di polveri di colore grigio scuro e odore nauseabondo, causa di irritazioni respiratorie, che costringe i residenti a tenere le finestre serrate per evitare di subire tali inconvenienti anche all’interno delle abitazioni . A ciò si aggiungono le comprensibili preoccupazioni dovute alla percezione di un’alta incidenza tumorale e il sospetto che questa sia direttamente collegata alle alterate condizioni ambientali. Per tali motivi, i portavoce pentastellati richiedono, in base all’art 32 della Costituzione, che vengano attuate tutte le opportune iniziative finalizzate alla miglior tutela possibile del benessere psico-fisico dei cittadini, e in particolare: Controlli che verifichino lo stato attuale del livello dei contaminanti e la loro eventuale presenza nell’aria, nell’acqua e nella catena alimentare umana. L’ammissione, in occasione dei controlli richiesti fuori e dentro la discarica di Columbra, di un tecnico indipendente, individuato e incaricato dalla Comunità, che effettui esami di verifica in parallelo a quelli degli Enti preposti, per consentire alla popolazione un raffronto tra i dati. L’avvio di un monitoraggio olfattometrico della discarica di Columbra, come già recentemente avvenuto a Celico (CS). Nel suddetto Comune, infatti, a seguito delle numerose segnalazioni e lamentele da parte dei residenti dovute alle emissioni odorigene provenienti dall’impianto di trattamento e smaltimento rifiuti di proprietà della MI.GA. S.r.l., la Regione Calabria ha indetto una gara che prevede lo studio del territorio e la valutazione della molestia olfattiva proveniente da quell’impianto o da altre realtàpresenti sul territorio. Con Decreto Dirigenziale n. 9098 del 13/08/2018 si è proceduto all’aggiudicazione del bando e a breve partirà il progetto di monitoraggio olfattometrico in cui un ruolo importante è anche riservato alla cittadinanza, con raccolta di segnalazioni dei residenti tramite piattaforma informatica accessibile a tutti gli interessati. Auspichiamo di ricevere, da parte delle Istituzioni coinvolte, un pronto riscontro alle richieste e alle legittime preoccupazioni di cittadini troppo spesso rimasti inascoltati su tematiche fondamentali: un territorio martoriato da varie forme di inquinamento necessita di provvedimenti efficaci e rapidi per la tutela della salute pubblica”.