Serie BKT 17esima giornata Benevento vs Crotone 3-0, nona sconfitta dei pitagorici sempre in zona retrocessione

247

Benevento  3

Crotone      0

Marcatori: 8° Insigne, 56° Coda ( r), 81° Bonaiuto

Benevento (3-1-4-2): Montipo’, Antei, Volta, Di Chiara, Del Pinto, Letizia, Improta, Tello, Buonaiuto (Sanogo), Insigne (Ricci), Coda (Assencio). All. Bucchi

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Sampirisi, Golemic, Martella, Rohden (Aristoteles, Simy), Barberis, Zanellato, Firenze, Stoian (Nalini), Budimir. All. Oddo

Arbitro: Antonio Giuva di Olbia

Coll. Capalbo – Lombardo

Quarto giudice: Lorenzo Illuzzi di Molfetta

Ammoniti: Zanellato, Stoian, Martella, Golemic

Angoli: 3 a 4 per il Crotone

Recupero: 1 e 3 minuti

Diciamolo senza se e senza ma: dopo l’ennesimo risultato negativo di seguito del Crotone, è scaduto il tempo delle previsioni e dell’ottimismo di mister Oddo alla vigilia di ogni incontro ed è giunto il momento di passare dalle previsioni ai fatti. L’esonero di mister Stroppa, all’indomani del pareggio casalingo contro la Salernitana (nona giornata) per un diverso percorso della squadra che stentava ad inserirsi nella parte alta della classifica, doveva interrompere la serie dei risultati negativi. Queste erano le intenzioni della società e perché avvenisse ciò è stato ingaggiato Oddo. Al momento, però, niente è cambiato in fatto di risultati. Anzi, qualcosa di diverso è avvenuto: il Crotone è sempre più in zona retrocessione. In certi momenti occorre essere realistici: faccia mister Oddo il regalo di Natale ai tifosi pitagorici rimettendo il mandato di tecnico del Crotone per non essere riuscito, come il suo predecessore, a gestire una squadra composta per la gran parte da giocatori della massima serie.   

La partita della svolta, quella che doveva evidenziare il vero volto del Crotone dopo i continui risultati negativi sotto la guida tecnica di Oddo, non è stata confermata sul difficile terreno del Ciro Vigorito. La vittoria esterna in quel di Livorno (terza giornata) con gol di Rohden sul finire dell’incontro è l’unico risultato positivo in trasferta. Nessuna squadra ha fatto peggio. Il risultato di Benevento è stato il peggiore regalo di Natale ai propri tifosi da parte dei pitagorici. Tutto bene per il Benevento che torna a segnare e vincere dopo tre giornate. Un importante successo  che lo rilancia in piena zona play-off.

La non disponibilità del difensore Vaisanen squalificato, e quella di Marchizza e Curado per motivi fisici, ha obbligato mister Oddo a schierare il reparto difensivo a tre con Faraoni, Sampirisi, Golemic e con l’apporto di Martella a sinistra in fase di ripiegamento. Cambio anche nel settore mediano con la presenza dello svedese Rohden, ha preso il posto di Molina, e di Firenze. Quest’ultimo in campo dall’inizio per consentire lo spostamento di Faraoni difensore destro. In attacco il ritorno di Stoian in sostituzione di Spinelli. Tre le novità anche nello schieramento predisposto da Bucchi. Fuori il difensore Billong, il centrocampista Bandinelli squalificato, e l’attaccante Assencio. Al loro posto rispettivamente Volta, Del Pinto, Insigne. Otto minuti dal fischio d’inizio e il Benevento è già in vantaggio con Insigne grazie al demerito dei difensori pitagorici incapaci di liberarsi di un pallone nella propria area. Il maggior colpevole per il gol subito, Faraoni. Il difensore esterno è stato sotto la sufficienza tutto il primo tempo. Sotto la sufficienza anche l’attacco. Budimir mai pericoloso in area avversaria. Al tredicesimo minuto l’attaccante manca una facile occasione per segnare non avendo colpito il pallone di testa. Qualcosa in più, ma non oltre la semplice sufficienza, da parte di Barberis e Zanellato a centrocampo. Rohden con la mente negli spogliatoi e non sul terreno di gioco. Ma il reparto più colpevole per tutto il primo tempo è stato quello difensivo. La coppia d’attacco locale, Insigne, Coda, ha giostrato a suo piacimento per andare in gol. Al minuto diciannove Coda sbaglia una facile occasione per raddoppiare, sempre grazie alla pessima difesa ospite. Qualche timida reazione in fase offensiva da parte del Crotone ma niente di concreto. Al minuto trentanove Firenze evidenzia tutta l’incapacità offensiva di segnare ciabattando un pallone da dentro l’area avversaria. Dopo aver concesso tutto il primo tempo agli avversari, mister Oddo butta nella mischia ad inizio ripresa Nalini e Aristoteles con l’intento di pareggiare. Qualche giocata pericolosa ma niente altro. È il Benevento che trova il raddoppio con Coda dagli undici metri per fallo in area di Sampirisi. Ancora una volta i cambi effettuati da Oddo non hanno funzionato e sono stati effettuati subito ad inizio ripresa. Arriva il terzo gol dei locali al minuto ottantuno con Bonaiuto grazie, sempre, alla pessima disposizione difensiva dei pitagorici. Crotone tutto da rifare già dalla prossima partita interna con lo Spezia allo Scida. La classifica afferma che occorrono i dovuti provvedimenti in casa del Crotone.