Marlboro e Philip Morris entrano nel business della cannabis

445

Rivoluzione in vista nel mondo delle sigarette. Altria, produttore del marchio Marlboro, ha rilevato il 45% del produttore canadese di cannabis Cronos. L’azienda che controlla Philip Morris USA investe 16,25 dollari canadesi per ogni azione Cronos, un premio del 33% sul valore del titolo alla fine della seduta del 30 novembre scorso, il giorno precedente alla circolazione di voci sulle trattative. L’esborso totale è di 2,4 miliardi di dollari canadesi o 1,86 miliardi di dollari americani. Altria potrà acquistare ulteriori titoli Cronos a 19 dollari canadesi l’uno fino a portare la sua quota di controllo al 55%. Il warrant che le permetterà di aumentare la sua partecipazione avrà una durata di quattro anni a cominciare dal completamento della transazione iniziale. Il cda dell’azienda canadese sarà composto da sette membri, due in più, di cui quattro saranno nominati da Altria. Per il gigante del tabacco – il primo a realizzare un grande takeover di un’azienda specializzata in marijuana – il settore in cui opera Cronos “è destinato a crescere rapidamente nel prossimo decennio”. Stando ad Altria, la marijuana è una “categoria adiacente” alle attività del tabacco. I negoziati si verificano mentre gli investitori (e le aziende del beverage) sono alla ricerca di modi per capitalizzare la legalizzazione della sostanza. A ottobre il Canada è diventato il più grande Paese al mondo a legalizzarne l’uso a scopo ricreativo. Anche in oltre la metà dei 50 Stati Usa c’è stata la legalizzazione ma la cannabis resta illegale a livello federale.