Bologna. Francesco Masetti morto in un incidente: era indagato per parricidio

Giallo in provincia di Parma dove è morto Franco Masetti vittima di un incidente stradale. L’uomo di 38 anni era sotto inchiesta a Bologna per l’omicidio del padre. Masetti era indagato per omicidio aggravato premeditato del genitore, morto nella sua casa il 4 novembre in circostanze strane. Il trentenne ha lasciato un messaggio in cui chiede “scusa per le bugie”, spiegando di non sopportare più la situazione e che avrebbe raggiunto i suoi genitori.

L’incidente è avvenuto sulla via Emilia tra Parma e Fidenza

La Dacia Duster dell’uomo si è scontrata contro un camion. Il conducente del mezzo pesante è ferito in condizioni gravi. Sull’incidente procede la polizia stradale. Inoltre sono stati informati anche gli inquirenti bolognesi. Si sta vagliando anche l’ipotesi che l’uomo si sia voluto suicidare, rafforzata dal messaggio inviato a un’ex fidanzata. Masetti avrebbe detto anche alla donna che la nominava erede e di avere consegnato un testamento al suo legale, l’avvocato Alessandro Veronesi.

Indagato a piede libero

L’indagine a carico di Masetti lo vedeva comunque a piede libero, con l’ombra di un delitto per un movente economico, ovvero l’eredità del padre. Tra gli elementi che avevano portato ad approfondire la vicenda, oltre alla denuncia di una parente e ad alcune stranezze nei suoi racconti, anche un segno sul collo del padre, che faceva pensare ad un’iniezione di farmaci o di altre sostanze velenose.

Lascia un commento