Boissano. Matteo Buscaglia ha ucciso la moglie Roxana Karin Zenteno

Femminicidio nel Savonese. Matteo Buscaglia ha ucciso la moglie Roxana Karin Zenteno. Poi l’uomo di 47 anni ha tentato di togliersi la vita tagliandosi le vene. Il dramma familiare si è consumato a Boissano. Un amico, contattato dall’uomo subito dopo il gesto, ha chiamato i soccorsi. La donna di 42 anni sarebbe morta soffocata con un sacchetto di plastica. I figli della coppia, un bimbo di 12 e una bimba di 10, erano in casa al momento della tragedia.

I piccoli sono stati trasportati al pronto soccorso pediatrico. Al momento del delitto – secondo le indagini – stavano dormendo. Quindi non avrebbero assistito alla scena. Alla base dell’omicidio, compiuto in camera da letto, un banale litigio tra i due coniugi.

Buscaglia è stato trovato sanguinante nella cantina dell’abitazione. E’ stato soccorso dal 118 e trasportato all’ospedale Santa Corona di Savona in gravi condizioni. Il piccolo centro del Savonese è sconvolto. Il sindaco Rita Olivari si è detto turbato: “E’ una tragedia, li conoscevo come una famiglia normale”.

Lascia un commento