Genova. La donna decapitata alla diga non abitava a Begato

Una donna decapitata in via Maritano a Begato. Una macabra visione per gli abitanti del quartiere genovese. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri insieme al medico legale Francesco Ventura e alla polizia.

La vittima ha un’età compresa fra i 30 e i 35 anni. È stata trovata poco distante dall’edificio noto come la “diga”. L’ipotesi più accreditata al momento è quella di una caduta da un piano alto di uno dei palazzi, che affacciano sulla via. Una volta al suolo la donna avrebbe sbattuto il capo contro un muretto o una ringhiera, finendo decapitata.

La vittima è stata identificata. Non viveva in via Maritano dunque si cerca di capire come sia entrata nel palazzo e da dove sia precipitata. Gli inquirenti hanno contattato il marito. Secondo quanto appreso finora avrebbe un passato di problemi psichiatrici. A dare l’allarme sono stati alcuni passanti, che hanno trovato la testa insanguinata sul marciapiedi. Della vicenda si sta occupando il pm Patrizia Petruzziello.

Lascia un commento