La Civica orchestra di fiati di Milano salirà ancora sul palco della Liberty

Per il terzo appuntamento della rassegna “I concerti della COF per Palazzina Liberty in musica” a cura dell’Area Spettacolo del Comune di Milano, domenica 4 novembre, alle ore 18:30, la Civica orchestra di fiati di Milano salirà ancora sul palco della Liberty in un’unica compagine, insieme all’Orchestra di fiati della Valtellina, diretta da Lorenzo Della Fonte. Il concerto riveste carattere particolarmente celebrativo in omaggio al 100° anniversario della fine del primo conflitto mondiale (1915–1918).

Lo dimostra il programma appositamente scelto per la ricorrenza. È fastoso l’esordio con la suite orchestrale “Music for the Royal fireworks” (HWV 351) di Georg Friedrich Händel nella revisione di Mark Hindsley. L’opera originale fu composta dal Maestro di Halle nel 1749 su commissione di Giorgio II di Gran Bretagna; il sovrano volle infatti imponenti fuochi d’artificio per festeggiare, la sera del 27 aprile 1749 a Londra, la fine della Guerra di Successione austriaca e la firma del Trattato di Aix-la-Chapelle (Aquisgrana), avvenuta l’anno prima.

Si prosegue con “Hell’s gate, Concerto per trio di saxofoni e orchestra di fiati” di David Maslanka nell’esecuzione del trio di sax dell’OFV, Valentina Persenico, Simone Rinaldi e Matteo Margolfo; dopo i brani “Irish tune from County Derry” e “Colonial song” di Percy Aldridge Grainger, le due formazioni eseguiranno il celeberrimo “Le tombeau de Couperin” di Maurice Ravel, suite dal sapore marcatamente elegiaco, scritta fra il 1914 e il 1917 dal compositore francese e qui proposta nell’orchestrazione di Masamicz Amano. Il programma si concluderà con l’esecuzione della “Suite française” di Darius Milhaud, omaggio alla terra di Francia, fra i maggiori teatri della Grande guerra.

Lascia un commento