Pannelli fotovoltaici: i vantaggi

Negli ultimi anni sempre più persone decidono di installare nella propria abitazione un impianto fotovoltaico. Questo consente di trasformare in maniera diretta ed istantanea l’energia solare in energia elettrica senza l’uso di alcun combustibile.
Tutto ciò è possibile utilizzando il cosiddetto “effetto fotoelettrico“, ossia la capacità che hanno alcuni materiali opportunamente trattati di generare elettricità se esposti alla radiazione luminosa.

Ovviamente, i pannelli fotovoltaici vengono installati esternamente alla casa in maniera che possano catturare al meglio la luce del sole. Possono essere installati nella facciata della casa, sul tetto, sia piano che inclinato, oppure posizionati nella terrazza.

I pannelli solari sono studiati e progettati appositamente per riuscire a catturare ogni minima radiazione solare e si distinguono per autonomia o per la necessità di utilizzare la rete elettrica locale in:

  • Autonomi : producono l’energia necessaria a soddisfare il fabbisogno energetico di un’abitazione standard e non sono integrati ad una rete elettrica;
  • Connessi alla rete: detti anche pannelli fotovoltaici grid connected, sono collegati alla rete elettrica in modo che, nelle ore in cui l’impianto non produce energia, questa viene prelevata dalla rete del gestore locale, il quale a sua volta nel momento in cui l’energia prodotta è in sur plus, ovvero non viene auto consumata, la accumula e la contabilizzata costituendo un credito per l’utente;
  • Gli pannelli fotovoltaici per utenze isolate: detti anche pannelli fotovoltaici stand alone, garantiscono la fornitura di energia elettrica in zone nelle quali non vi è la rete locale, come case in montagna, etc.;
  • Gli pannelli fotovoltaici anti-blackout: questi funzionano secondo il sistema di connessione in rete, ma nel momento in cui vi è un black out dovuto al gestore elettrico questo sistema garantisce l’erogazione della corrente elettrica.

Tra i vantaggi che si possono ricavare dall’installazione di un impianto fotovoltaico c’è sicuramente da annoverare il prezzo delle installazioni, che negli ultimi anni si è abbassato notevolmente, arrivando a costare circa € 2.500 al Kw, chiavi in mano.
Si tratta di una cifra per niente elevata se viene tenuto presente il fatto che questo investimento iniziale verrà poi recuperato nel giro di pochi anni grazie al risparmio che porta in termini di consumo di energia. Inoltre, grazie all’autoconsumo, il risparmio cresce ulteriormente se si considerano le previsioni di aumento dei costi dell’energia. Per non parlare poi del fatto che di per sé la bolletta si riduce o si azzera del tutto, dal momento che si passa ad un vero e proprio sistema di autoconsumo.
Senza contare, poi, che il nostro Paese prevede delle importanti detrazioni fiscali per coloro che decidono di installare questi pannelli.
In aggiunta, questi pannelli sono sicuri e non creano problemi relativi alla loro manutenzione. Infatti, negli ultimi 25 anni, la manutenzione richiesta dagli pannelli fotovoltaici è ridottissima, se si esclude la sostituzione periodica dell’inverter.
In ultimo, ma non meno importante, il fotovoltaico ha un impatto estremamente positivo sull’ambiente e riduce la dipendenza energetica dall’estero.

Per tutti questi motivi sono in molti a decidere di installare un impianto fotovoltaico nella propria abitazione e le cifre lo dimostrano.
Secondo il Rapporto Statistico sul Solare Fotovoltaico 2017 pubblicato dal Gse a fine 2017 sono risultati in esercizio in Italia ben 774.014 pannelli fotovoltaici, per una potenza installata di 19.682 MW (+414 MW rispetto a fine 2016), che nel 2017 hanno prodotto 24,4 TWh di energia, in notevole aumento rispetto ai 22,1 TWh del 2016 (+10,4%).  Cifre che sono in continuo aumento.

Lascia un commento