Milan Games Week 2018, un successo che non ha precedenti

Si può parlare, senza giri di parole, davvero di record. L’edizione 2018 della Milan Games Week è stata un successone. I dati finali rendono sicuramente omaggio al grande lavoro che è stato svolto da parte degli organizzatori. Si sono contate più di 160 mila presenze, con un aumento pari al 10% in confronto alle statistiche raccolte nella scorsa edizione. In effetti, il successo è arrivato grazie alla scelta di lanciare sui palchi sia di PG Esports che di ELS tante iniziative ed eventi in grado di garantire il massimo coinvolgimento con il pubblico. A dimostrazione di come si sia finalmente imparato molto bene ad analizzare i trend di mercato.

Ancora una volta, quindi, la Milan Games Week si può considerare uno di quegli appuntamenti che non verrebbero mai e poi mai snobbati da tutti gli appassionati di videogiochi. Tenendo conto anche di come i visitatori provenissero da ogni parte d’Italia e, in qualche caso, anche d’Europa. Uno dei motivi per cui l’edizione 2018 è andata così bene è legato indubbiamente agli streamer. L’enorme fenomeno degli showman che si sono affermati su Twitch e YouTube non deve stupire in alcun modo, dal momento che il ruolo di pro player intrattenitore calza a pennello per portarsi a casa una grande parte di ascolti e visualizzazioni da parte del pubblico più giovane. È questo che bisogna cercare di capire più a fondo: tante volte essere semplicemente bravi non è più sufficienti, dal momento che gli eSport rappresentano uno show a tutti gli effetti e, quindi, c’è bisogno di coinvolgere il più possibile il pubblico.

Il futuro dei videogiochi sembra essere messo davvero molto bene: le statistiche confermano questo andamento di crescita. Cresce in modo inesorabile il numero di persone che videogioca. Tra i vari stand della Milan Games Week i visitatori hanno avuto la possibilità di immergersi nel mondo dell’antica Grecia, andando alla scoperta del nuovissimo Assassin S Creed, oppure provare in anteprima assoluta Call of Duty Black Ops 4. Si sono formate, come era abbastanza prevedibile lunghe code per potersi mettere alla prova. E non bisogna dimenticare nemmeno gli stand dedicati alla realtà virtuale. Chi ama i videogames e le console di Microsoft, inoltre, sa bene che un abbonamento xbox live gold 12 mesi diventa fondamentale per potersi esprimere al meglio, a maggior ragione con l’introduzione di tutte queste novità. Ad ogni modo, il settore dei videogames propone una gamma estremamente variegata di soluzioni ancora inespresse o non sfruttate del tutto che verranno approfondite nel corso dei prossimi anni.

Infine, ci sono state evidentemente delle conferme, soprattutto per quanto l’atmosfera necessaria per garantire un ruolo di primo piano alla scena eSportiva. Proporre nuovamente la montagna russa che si può ritrovare nell’ambientazione da stadio è fondamentale. Sotto questo punto di vista, il Red Bull Factions effettivamente ha fatto un lavoro pazzesco, organizzando una finale di League of Legends veramente degna di nota. E non deve passare in secondo piano la forte necessità di avere delle figure che possano collegare l’ambito del pro gaming e il grande pubblico in maniera efficace e costante.

Lascia un commento