La remuntada dell’Inter è stata innescata

L’Inter di Spalletti non si vuole fermare. L’inizio di stagione tentennante sembra essere alle spalle. La classifica può tornare a sorridere. Squadra nuovamente vittoriosa in casa per la prima volta dallo scorso aprile. Icardi si veste ancora da trascinatore, si sblocca in campionato su rigore e serve l’assist decisivo per D’Ambrosio.

L’Inter continua la sua rincorsa. Contro la Fiorentina sono stati solo due i cambi rispetto alla gara con la Sampdoria, con De Vrij e Perisic per Miranda e Politano. La Fiorentina riprende coraggio e quando trova spazio nelle ripartenze fa male. Nel finale di tempo il Var protagonista. Mazzoleni va a rivedere al video un tocco di mano di Vitor Hugo in area su cross di Candreva e concede il rigore. Dal dischetto Icardi non sbaglia, regala il vantaggio all’Inter e si sblocca in Serie A, cancellando lo 0 in classifica marcatori che iniziava a diventare preoccupante.

La partita sembra mettersi sui binari giusti per i nerazzurri, ma la Fiorentina esce dallo spogliatoio ancora più pronta degli uomini di Spalletti. E arriva il pareggio dei viola. Chiesa approfitta di una palla persa di Nainggolan, calcia col destro e trova una deviazione di Skriniar che spiazza Handanovic. Gli ospiti crescono, mentre l’Inter rientra sembra ricadere nel baratro e San Siro inizia a rumoreggiare. Spalletti prova il tutto per tutto, inserendo Keita e Politano e abbassando Nainggolan vicino a Brozovic. Mossa che funziona, perché la vicinanza del senegalese fa bene a Icardi. È proprio il capitano, con una giocata da centravanti vero, a portare al 2-1: inserimento di D’Ambrosio, uno-due con Icardi e il terzino batte Lafont col mancino. L’Inter trema nel finale, ma Handanovic non deve più compiere parate. Arriva il terzo successo consecutivo per i nerazzurri, che si rilanciano in classifica. Sabato a San Siro arriva il Cagliari per continuare a correre.

Lascia un commento