Boom economico oltreoceano: come aprire una società in USA

Le politiche espansive messe in atto dall’amministrazione Trump hanno determinato un nuovo boom economico negli Stati Uniti d’America. Il Governo favorisce chi vuole investire e produrre sul suo territorio. Cresce quindi il bisogno di nuovi lavoratori e si ampliano gli spazi per le imprese. Aprire una società negli USA per molti rappresenta un investimento piuttosto redditizio.

Aprire una società negli USA: come si fa

L’apertura di una società nel Paese a stelle e strisce consente di ambire ad entrare in un mercato molto remunerativo. L’imprenditore italiano che vuole avviare una start up o essere presente nel mercato statunitense con una propria filiale, può davvero svoltare. Export America aiuta sia i professionisti sia gli imprenditori ad aprire la propria società e fare business oltreoceano. Sul portale exportamericagroup.com sono disponibili diversi consigli sia sulla forma societaria sia sulla documentazione in USA.

E’ importante infatti scegliere tra proprietorship, general partnership, limited partnership, LLC e differenti tipologie di corporation. Per chi punta ad accedere a dei finanziamenti è propedeutico predisporre un business plan. Serve per programmare lo sviluppo futuro della azienda.

Il sistema bancario americano

Fare impresa negli Stati Uniti significa anche detenere un conto bancario business. Ciò aggiunge credibilità alla propria attività. I consultenti di Export America spiegano che è possibile anche avere un conto personale e un conto aziendale americano in differenti istituti. E’ importante anche organizzare e definire in modo lineare tutte le registrazioni contabili.

La sede ideale

In base alla tipologia di business che si intende svolgere si orienta la scelta della sede ideale. Fare business negli USA con profitto presuppone anche avvantaggiarsi di tutti i mezzi per la movimentazione di merci, ottimizzando la logistica.

Il Delaware viene indicato come il paradiso fiscale americano delle società in USA. Non sempre però può essere la scelta migliore. La scelta dello Stato USA per aprire una società, va fatta in base anche ad altri parametri che spesso si rivelano più importanti del trattamento fiscale: mercati locali, costo del lavoro, infrastrutture, agevolazioni.

Aprire una Società negli USA: i vantaggi

La burocrazia oltreoceano è amica delle imprese. Negli Stati Uniti d’America l’apertura di una società richiede poche ore. Le autorità agevolano le richieste di licenze, permessi. La materia fisco e lavoro è priva di legacci burocratici.

I vantaggi sono anche connessi alla bassa pressione fiscale. L’impresa non viene sommersa di tasse. Anzi il fisco incoraggia chi investe. Le tasse sono sensibilmente più basse rispetto a Nazioni come l’Italia.

Le autorità locali sono a fianco di chi investe negli USA. E’ possibile ricevere finanziamenti sia dalle banche sia dagli investitori privati. I costi energetici sono inferiori rispetto ad altri Paesi anche perché l’America ha risorse interne.

La politica economica degli USA è stabile. I programmi di democratici e repubblicani, pur nelle diverse visioni, assicurano la continuità. Gli Stati Uniti sono un Paese forte e stabile, dove le istituzioni sono presenti e a fianco dei cittadini. E’ il posto ideale per gli investimenti.

Chi vuole aprire una Società negli USA non deve fare altro che affidarsi a consulenti preparati ed iniziare a lavorare. L’America è e rimane la terra delle grandi opportunità.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin