Azzanello. Il corpo di Manuela Bailo trovato in una cascina

E’ arrivata la svolta. Manuela Bailo è stata uccisa dall’ex amante. Il giallo è stato risolto. La scomparsa della bresciana di 35 anni è dovuta ad un omicidio. L’uomo ha confessato e ha indicato il luogo in cui ha sepolto il cadavere della donna sparita nel nulla tra il 29 e il 31 luglio.

Il corpo di Manuela Bailo è nel giardino di una cascina nelle campagne di Azzanello, in provincia di Cremona. Lì si stanno concentrando gli scavi per ritrovarlo. L’auto della giovane donna è già stata ritrovata.

L’amante, più grande di lei di una decina di anni, ha ceduto dopo un lungo interrogatorio in cui inizialmente aveva spiegato che la relazione era finita, “da oltre un anno”, e di aver visto Manuela Bailo per l’ultima volta il venerdì sera prima della scomparsa. I due erano anche colleghi al Caf Uil di Nave, comune in provincia di Brescia, dove viveva e lavorava la Bailo. Approfondisci qui: Fabrizio Pasini ha fatto ritrovare il cadavere di Manuela Bailo.

Lascia un commento