Settimo Torinese. Ventenne uccide il patrigno Domenico Gatti

Dramma familiare nel Torinese a Settimo. Un ragazzo di 26 anni ha ucciso il patrigno Domenico Gatti. Il poliziotto in pensione di 59 anni è stato assassinato dal figliastro a colpi di pistola. Il delitto è avvenuto in via Fantina 47 al culmine di un litigio.

L’omicida di 26 anni è stato fermato dai Carabinieri accorsi sul luogo dell’omicidio ed è piantonato all’ospedale di Chivasso. Lui stesso è ferito. Il delitto nella casa della madre del giovane, dove il ragazzo era a cena. Dopo un litigio tra i due uomini, l’omicida si è allontanato tornando mezz’ora più tardi con una pistola. Ha esploso prima tre colpi e poi, dopo la reazione della vittima, altri sei che hanno ucciso Gatti.

L’omicida soffrirebbe di disturbi della personalità, ma non era in cura, secondo quanto si è appreso. E’ stato lui stesso, dopo avere ucciso il patrigno, a chiamare il 112. Poco prima i Carabinieri avevano ricevuto un’altra chiamata, dalla moglie della vittima. Il giovane è stato fermato in strada, a Settimo.

Lascia un commento