In punto di morte Aretha Franklin tra i più grandi nella storia della musica

È in punto di morte Aretha Franklin. La Regina del Soul è considerata tra i 100 artisti più grandi nella storia della musica. L’artista si sta spegnendo a 76 anni dopo che le sue condizioni di salute si sono aggravate. I suoi familiari l’hanno raggiunta per starle vicino nelle ultime ore. (AGGIORNAMENTO: Il decesso è avvenuto il 16 agosto leggi qui).

Nota per successi come “Respect” (1967) e “I Say a Little Prayer” (1968), a cui è stato diagnosticato un cancro nel 2010, è apparsa sul palco l’ultima volta a novembre 2017 per la Elton John Aids Foundation di New York. Aretha è nata a Memphis il 25 marzo del 1942.

La mamma è una cantante gospel e va via di casa quando Aretha ha sei anni. Dopo la separazione la piccola va a vivere a Detroit con il papà, predicatore battista. Aretha è tra i musicisti della parrocchia e vuole diventare professionista. Nel 1961 sposa Ted Whitem che diventa suo manager. Il matrimonio dura fino al 1969, poi il divorzio. Il marito si dimostra un violento. Ma per Aretha ci sono i grandi successi professionali grazie a brani come “Respect” di Otis Redding, che diventa uno dei simboli delle minoranze di colore americane. Alcune cover di Beatles o Simon and Garfunkel resteranno nella storia della musica.

Nel 1980 Aretha Franklin appare nel film cult “The Blues Brothers”. Negli anni Ottanta diventano celebri i duetti con George Benson, Eurythmics, George Michael. Freddie Mercury è stato un suo grande fan. La sua improvvisazione di “Nessun Dorma” del 1998 è considerata una delle più grandi di sempre ai Grammy, quando ha sostituito Luciano Pavarotti colto da un malore. Nel 2017 aveva annunciato in radio che non avrebbe tenuto più concerti. Nel marzo 2018, poi, l’artista ha dovuto annullare, su indicazione dei suoi medici, gli impegni live assunti, rinunciando alla sua performance al New Orleans Jazz and Heritage Festival che si sarebbe tenuto il mese successivo.

Lascia un commento