Amare per amare

A volte attorno a una visione ( come ebbe a scrivere anche Calvino in diverse occasioni), ne nascono delle altre ed è come se si formasse un campo di analogie, di simmetrie, di contrapposizioni.
Per fortuna mi viene in contro la scrittura che poi cercherà l’equivalente dell’immagine visiva, in uno sviluppo tendenzialmente coerente, perché in realtà è una molteplicità di possibili che si connette tra sensazioni e pensieri.
Perché l’amore è la somma di infinite molteplicità! Senza un prima e un poi.
Il paesaggio della memoria finisce con l’apparire distante, alternativo alle visioni e alle sensazioni del presente. Ed è nell’abitare questa distanza che forse sarà possibile cogliere lo spessore della mobilità delle forme che si accompagna al diverso percorso mentale.
La vita che si è persa, la vita che non abbiamo vissuto, l’amore disatteso, le distanze, le assenze.
Sarà il tempo a giudicare si dice a proposito degli avvenimenti, ma oggi purtroppo il tempo
<> passa rapidamente o perde senso nell’età del tempo reale e della simultaneità.
La verità è che tutti, coscienti o incoscienti, siamo segnati dagli avvenimenti buoni o cattivi che siano stati o lo sono, come una storia, caotica, tragica o esaltante che abbiamo attraversato, che ci ha illuso e deluso, come gente venuta da un ex mondo, un mondo che esiste nella memoria o non esiste più che ora pesa con quel tutto di se, con tutti gli avvenimenti rincalcati l’uno sull’altro, come una bottiglia di plastica accartocciata su se stessa.
Anche il tempo invecchia a noi resta il mestiere della nostalgia ….
Amare per amare!
E’ dunque così, il tempo è aria e lei la lascia esalare da un bacio. E il tempo che tutto segna riesce assieme ad essere lieve come la coscienza, allusivo come i vocaboli e gli aggettivi scelti con cura, quasi a restare immateria, imprendibile: la vita appare un po’ qua un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle, dopo, è un mucchietto di sabbia e qual è il granello che sostiene l’altro?
Resta solo l’amore come un’impronta a due dimensioni che ricorda l’ombra stampata su un muro di una carezza o di un bacio, degli abbracci.
Una volta era un notturno indiano, il fascino, il senso di una parola o di un ti amo come sono ora infilati in un crepuscolo e in una indefinita nostalgia che vive chiunque si accorga dello scorrere della vita e allo stesso tempo avverte che il suo principio di amare si fa sempre più indefinito.
C’è un controtempo che invita a tornare ad amare per amare o per essere amati che allontana dalle rovine desolate ma umanissime del passato, perché l’inverno del nostro scontento non sia soltanto protesta o acredine

Lascia un commento