Nessun obbligo dei vaccini per le iscrizioni a scuola

Il Ministero delle Salute, in accordo con il Ministero della Pubblica istruzione, sta per diffondere un circolare che congela l’obbligo di certificare le dieci vaccinazioni per potere iscrivere i figli a scuola. Il termine del 10 luglio, previsto dalla Legge Lorenzin, viene cancellato dal Governo leghista. Tutti potranno entrare a scuola anche senza la vaccinazione.

Si lavora anche ad una nuova legge, d’iniziativa parlamentare. Andrà a rivedere il principio dell’obbligatorietà. Sarà tagliato l’elenco dei 10 vaccini previsti. Il Ministro della Salute, Giulia Grillo, M5S, e il collega della Pubblica Istruzione, Marco Bussetti, della Lega, applicheranno quanto affermato da Matteo Salvini a Pontida: “Farò di tutto perché i bimbi entrino tutti a scuola a settembre, accompagnati dalla loro mamma e dal loro papà”.

Il vice premier Salvini aveva anticipato tutti dicendo che “dieci vaccini sono troppi”. La norma in vigore non consente l’iscrizione nelle scuole materne ed elementari se non si certifica per quella data che il bambino è in regola con i dieci vaccini. Per le scuole di grado superiore si conferma l’obbligatorietà, ma in caso di inadempienza c’è solo una multa. Salvini promette che tutti i bambini andranno a scuola anche senza le vaccinazioni e così affossa il principio dell’obbligatorietà, la circolare del ministro va in questa direzione.

Lascia un commento