Brindisi. Callistus Imoyera ucciso a coltellate dalla compagna

Ci sarebbe un litigio alla base dell’omicidio di un nigeriano di 24 anni avvenuto a Brindisi. Lo straniero è stato ucciso con due coltellate al torace. Per l’omicidio di Callistus Imoyera è accusata una giovane donna, sua convivente e connazionale.

Il pm Giampiero Nascimbeni ha conferito l’incarico per l’autopsia al medico legale Antonio Carusi, ma sarebbe già chiaro che ad uccidere il ragazzo è stato un fendente che lo ha trafitto al polmone. Sembrerebbe che il delitto sia maturato in un contesto del tutto privato nel corso di una discussione sorta nell’ambito di un rapporto di coppia.

I toni della lite erano così accesi che le grida sono state udite dai vicini. L’epilogo ha avuto luogo nell’abitazione che Imoyera condivideva con altri connazionali oltre che con la donna. I sanitari del 118 hanno tentato invano di rianimare il ventenne ma per lui non c’era più nulla da fare.

Lascia un commento