Guest post e backlink come arrivare in prima pagina

L’obbiettivo di chi ha un sito web è quello di scalare le pagine del motore di ricerca e di arrivare prima possibile in una buona posizione. Per scalare la SERP e posizionare siti web sui motori di ricerca come Google occorre avere molta pazienza ed anche molta esperienza nella produzione di contenuti di qualità, se lo si intende fare con il link building.

Il link building consiste nella creazione di guest post da inserire su altri siti, contenenti un backlink al proprio sito. Il segreto di fare bene il guest posting non è, come qualcuno crede, nell’acquisto di tantissimi link al proprio sito, anzi: consiste piuttosto nella creazione di contenuti di qualità, pochi ma buoni, da postare su siti autorevoli e riconosciuti da Google come tali.

Dare visibilità al proprio sito, ottenere traffico e posizionarsi meglio su Google in relazione ad alcune parole chiave: ecco tutti gli obiettivi che si possono ottenere con un link building fatto davvero bene. Ovviamente, però, bisogna cercare di evitare i più classici errori del guest posting che non solo non farebbero avanzare un sito nella SERP, ma addirittura potrebbero dimostrarsi deleteri perché Google potrebbe penalizzare il proprio sito.

Come fare guest posting in modo davvero efficace e migliorare così il posizionamento su Google? Per cominciare, scegliendo bene i siti dove inserire i propri contenuti con link.

Infatti non tutti i blog sono uguali e Google lo sa: se vuoi sapere qual è il miglior sito dove poter inserire un proprio articolo, allora devi inserire le parole chiave che ti interessano su Google e visionare i primi risultati della ricerca. A questo punto va fatta una selezione accurata perché per il guest posting bisogna scegliere solamente i siti che siano affidabili, autorevoli, e che siano dello stesso tema del proprio sito. Quindi bisogna anche controllare che si tratti di siti effettivamente visitati, se si hanno dei dubbi.

posizionamento seo

A questo punto non resta che creare delle relazioni (che potranno tornare molto utili) con i blogger del sito desiderato: la maggior parte dei blogger è entusiasta se si offre di pubblicare sul loro sito un contenuto di qualità gratuitamente e accetteranno il vostro guest post. Mi raccomando, è di fondamentale importanza l’educazione e il rispetto perché non è detto che il blogger accetti.

A questo punto, una volta che il blogger abbia accettato, bisogna produrre il contenuto (se non lo si ha già fatto). Fare un guest post non è scontato perché Google ha all’opera diversi algoritmi per valutare se un contenuto sia o meno di alta qualità. Attenzione innanzitutto a rispettare lo stile editoriale del sito o blog dove si andrà a pubblicare l’articolo (eventualmente il blogger potrà anche modificare la formattazione).

Contenuto interessante per il pubblico del blog che lo ospita, una call-to-action in fondo al post, link dofollow al tuo sito (o il motore di ricerca non potrà seguirlo e di conseguenza non ne avrai vantaggio) sono le chiavi del guest post fatto davvero bene.

Fate sì che il guest post sia effettivamente un contenuto di valore e di qualità, utile per chi lo legge: in questo modo, automaticamente, sarà un contenuto che avrà più potenzialità di diventare virale e di aumentare gli accessi verso il tuo sito, permettendoti di avere una link popularity più elevata e di conseguenza di posizionarti sempre più in alto.

Il segreto per arrivare in prima pagina su Google non è quello di avere tantissimi backlink (anzi, questo potrebbe apparire sospetto a Google) ma di avere diversi backlink ben posizionati in contenuti di qualità, ed ospitati su siti autorevoli. Ovviamente una volta pubblicato l’articolo potrete anche condividerlo allo scopo di farlo leggere e conoscere a più persone possibile, e lo stesso potrà fare il titolare del blog.

9 su 10 da parte di 34 recensori Guest post e backlink come arrivare in prima pagina Guest post e backlink come arrivare in prima pagina ultima modifica: 2017-11-06T21:08:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento