Puigdemont atteso a Madrid il 2 novembre per essere arrestato

L’intenzione di Madrid è chiara: arrestare Carles Puigdemont. Non è stato spiccato il mandato d’arresto immediato per evitare di doverlo eseguire a Barcellona. “La denuncia del procuratore generale spagnolo è la prova di un comportamento bellicoso del governo” ha denunciato il presidente della Generalitat. “Abbiamo ricevuto la denuncia del procuratore generale, un procuratore che è stato assunto dal governo spagnolo e che conferma quella che è la posizione di Madrid contro la Catalunya. Una denuncia che non è sostenibile giuridicamente e che si riferisce a fatti politici e che persegue idee, persone e non un reato e che chiede per ciascuno di noi 30 anni di prigione. E’ un grave deficit democratico di cui si è fatto carico il governo spagnolo”.

Intanto Puigdemont è in esilio a Bruxelles e dovrà scegliere se rimanere in Belgio oppure farsi arrestare a Madrid. Il leader indipendentista è stato, infatti, convocato dal giudice dell’Audiencia Nacional, Carmen Lamela. La convocazione riguarda anche il suo vice Oriol Junqueras e i consiglieri indagati per presunta “ribellione”. Gli interrogatori sono programmati per giovedì 2 e venerdì 3 novembre. Si tratta di una “trappola”. Al termine dell’interrogatorio si apriranno le porte del carcere.

Carles Puigdemont

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin