Il Campidoglio finanzia otto progetti di ragazzi delle scuole superiori

Il Campidoglio ha pubblicato un avviso pubblico di un concorso per il finanziamento di otto progetti proposti da gruppi di ragazze e ragazzi del III e del IV anno di istituti di scuola secondaria di II grado di Roma. Il concorso, nell’ambito del progetto “GET – UP”. Giovani ed Esperienze Trasformative di Utilità sociale e Partecipazione promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e col Ministero della Salute, scade il prossimo 8 novembre.

Gruppi composti da un minimo di dodici a un massimo di ventotto studenti avranno la possibilità di ribaltare la tradizionale relazione di fruitori passivi di servizi o attività, attraverso la committenza da parte delle istituzioni locali di progettualità autogestite. In questo modo svilupperanno le capacità di autonomia e di assunzione di responsabilità valorizzando il contesto scolastico come luogo ideativo di progetti che coinvolgano anche i territori e il tessuto locale.

scuola liceoOgni istituto individuerà un gruppo di docenti direttamente impegnato nel supportare a accompagnare il percorso: un valore aggiunto nella costruzione di un rapporto proficuo e solido tra insegnanti e alunni. Le proposte devono essere comprese in alcune are tematiche: valorizzazione del patrimonio artistico e arredo/decoro urbano; contrasto alla dispersione e all’abbandono scolastico; comunicazione intergenerazionale; realizzazione di eventi cittadini; supporto alle fragilità socio-sanitarie e promozione/sviluppo di nuovi modelli di prossimità locale, come il quartiere e il vicinato. Ogni gruppo sarà dotato di un budget massimo di 11.500 euro, dei quali 1.500 destinati alla scuola.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il Campidoglio finanzia otto progetti di ragazzi delle scuole superiori Il Campidoglio finanzia otto progetti di ragazzi delle scuole superiori ultima modifica: 2017-10-18T03:06:04+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento