La rivincita dei nerd: giovani secchioni diventati ricchissimi imprenditori di successo

Per tanto tempo è stato normale, per la maggior parte della gente, associare la parola nerd a quella di sfigato o secchione. Ed è proprio così che molte grandi personalità di oggi erano considerate durante la loro adolescenza… ma ora è arrivata la loro rivincita, almeno per alcuni.

Oggi parleremo delle personalità che si sono distinte di più passando “dalle stalle alle stelle” in un mondo in cui il fenomeno nerd (o geek, come sono chiamati i nerd tecnologici) non sembra più essere specificatamente sinonimo di sfigato, anzi pare essere proprio il suo opposto.
Lo dimostra, ad esempio, la saga di Star Wars che da saga di nicchia degli anni 80 è diventata oggi un vero e proprio fenomeno mondiale, così come la saga di Harry Potter: chiaro sintomo di questo andamento è la continua crescita di negozi e-commerce che vendono quasi esclusivamente prodotti dedicati a questo settore. EMP, Tee Tee e LegendShop sono solamente alcuni tra i siti dedicati alla vendita di articoli e abbigliamento legate a serie TV, film, videogiochi.

Parleremo ora di alcuni personaggi che dal nulla, o quasi, sono diventati dei grandissimi imprenditori e miliardari attualmente in vita, ma non pensiate che questi siano gli unici ad avere avuto questa sorte.

 

Bill Gates

«Fui bocciato in alcune materie agli esami, ma il mio amico passò in tutte. Ora lui è un ingegnere alla Microsoft, mentre io sono il proprietario della Microsoft

Bill Gates nerd miliardario

Bill Gates è tra i più conosciuti imprenditori al mondo. E, non per nulla, anche il più ricco: nel 2017 risulta il più ricco in assoluto, con un patrimonio di 89 miliardi di dollari!!

Fondatore della Microsoft – che equivale a dire fondatore di un vero e proprio impero da miliardi e miliardi di dollari – Gates era, possiamo dire, una testa calda nel periodo dell’infanzia e dell’adolescenza. Infatti, con un gruppo di amici – tra cui Paul Allen, co-fondatore di Microsoft – era riuscito a superare i sistemi di sicurezza del computer affidato alla scuola privata a cui erano iscritti.

Nel 1968 Bill Gates e company fondano la loro prima società, la Leakside Programmers Group.

Nel 1972, invece, Bill e Paul fondano la Traf-O-Data, che progettò un computer per le misurazioni del traffico.

Il 4 aprile 1975, viene fondata la Microsoft, che rende Bill Gates uno degli uomini più ricchi al mondo.

Nel 2008, dopo trentatrè anni, lascia la Microsoft per dedicarsi insieme alla moglie Melinda French alla missione umanitaria, con la fondazione Bill & Melinda Gates, che si occupa di migliorare la vita dei paesi poveri e in via di sviluppo, sconfiggere malattie mortali come l’AIDS, incentivare il capitalismo creativo (ovvero incentivare le aziende ad azioni che oltre al proprio profitto portino anche benessere a tutte le popolazioni del mondo)

 

Jan Koum

Jan Koum nerd miliardario

Jan Koum è il co-fondatore e CEO (Chief Executive Officer), ovvero amministratore delegato, di WhatsApp, l’app di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo – l’applicazione conta infatti ad oggi più di 60 milioni di utenti.

La vita di Koum, però, non era rose e fiori prima di sbarcare il lunario con WhatsApp; Koum si trasferisce in California dall’Ucraina all’età di 16 insieme alla famiglia. Per potersi mantenere, utilizzavano dei buoni pasto.

Dopo aver venduto WhatsApp a un altro multimiliardario, Mark Zuckerberg, Koum è diventato ricchissimo (oggi ha 9,6 miliardi di dollari).

 

Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg nerd miliardario

Il più giovane (under 40) imprenditore miliardario è il trentaduenne Mark Elliot Zuckerberg (si, Elliot, come il protagonista hacker della serie TV Mr. Robot), con il suo patrimonio di oltre 71 miliardi di dollari.

Ha imparato la programmazione BASIC al tempo della scuola media, in seguito ha approfondito lo studio della programmazione sia con lezioni private, sia ad Harvard.

Durante gli anni universitari ha creato Facemash, una sorta di precursore di Facebook, in cui gli utenti semplicemente votavano uno tra due studenti maschi o femmine, per poi poter stilare una classifica. In seguito creò Thefacebook che divenne infine Facebook, che attraverso le varie evoluzioni è diventato il social che conosciamo oggi. Questa fase di nascita del sito non fu facile, tanto che alcuni studenti lo denunciarno per averli ingannati, rubando la loro idea e creando un sito concorrente mentre gli faceva credere di stare realizzando un sito per loro conto: la storia finì con la cessione di 1,2 milioni di azioni di Facebook, al valore di 300 milioni di dollari.

 

Elon Musk

elon Musk nerd miliardario

Alla fine del 2016 Forbes lo inseriva al 21° posto della classifica degli uomini più potenti del mondo: Elon Musk è uno dei più lampanti esempi di chi si è fatto da solo per raggiungere certi risultati. E lui ne ha raggiunti parecchi:

  • è fondatore nonché CEO della Space Exploration Technologies Corporation, nota a tutti come SpaceX, un’azienda aerospaziale all’avanguardia con la quale vuole raggiungere l’obbiettivo della colonizzazione di Marte
  • ha fondato anche la Tesla Motors di cui, oltre che CEO, è anche presidente del consiglio di amministrazione
  • ha anche altre aziende tecnologiche come SolarCity (fotovoltaico), Halcyon Molecular (biotecnologie), Hyperloop (trasporti terresti ad alta velocità), OpenAI (intelligenza artificiale), Neuralink (nanotecnologie)
  • il suo attuale patrimonio è di 21 miliardi di dollari: non sarà il più ricco, ma il potenziale di crescita è immenso

Ma come si è fatto da solo questo ormai grandissimo imprenditore?

Durante la sua infanzia, Musk era sempre preso di mira dai bulli, tanto da finire anche in ospedale quando un gruppo di ragazzini l’ha lanciato da una rampa di scale e l’ha picchiato, lasciandolo privo di conoscenza. Un fatto del genere, insieme alla sua passione per la programmazione software, appresa da autodidatta a soli 10 anni, può classificarlo indubbiamente come “tipico Nerd”.

Nonostante questo, la sua grande mente si era distinta già all’età di 12 anni, età in cui aveva realizzato un videogioco scritto in codice basic dal nome Blastar. L’allora ragazzino vendette il gioco per circa 500 dollari. Se siete curiosi di scoprire com’era il gioco, ne esiste una versione online.

Frequenta diverse università e ottiene una laurea in fisica ed una in economia (e due lauree honoris causa in design e ingegneria aerospaziale, meritatissime visti i risultati ottenuti in questi campi). Abbandona il dottorato per avviare le sue attività imprenditoriali.

Nel marzo 1999 cofonda x.com, che divenne poi la nota in tutto il mondo PayPal.

Da qui in avanti, tra alti e bassi, due matrimoni e due divorzi, cinque figli ed una vita condizionata anche da un disturbo bipolare, grandi delusioni e grandi successi, arriva ad essere l’attuale miliardario (12 miliardi di patrimonio) che conosciamo.

9 su 10 da parte di 34 recensori La rivincita dei nerd: giovani secchioni diventati ricchissimi imprenditori di successo La rivincita dei nerd: giovani secchioni diventati ricchissimi imprenditori di successo ultima modifica: 2017-10-13T14:07:31+00:00 da Marco Pedota
Condividi su:Share on Facebook6Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento