Fine settimana a Bari sulla via delle musiche possibili

Fine settimana con Time Zones sulla via delle musiche possibili. Una trentaduesima edizione che rinnova la proposta di musica di ricerca proveniente dalle più importanti scene artistiche internazionali. Il percorso sonoro è in continuità con la storia del festival barese, dove la musica è protagonista principale di una rassegna consapevolmente proiettata verso l’intreccio di codici e linguaggi. Anteprima della stagione 2017 sarà Time Zones Off, l’ormai consueto appuntamento di warm-up dedicato al sottobosco della musica indipendente e alle nuove realtà che stanno conquistando l’attenzione dei media di settore. Dal 13 al 15 ottobre, negli spazi del Pellicano a Bari, si esibiranno nell’ordine i Turukù, formazione in cui rock, rap e classica convergono in brani al fulmicotone, i Rumori Di Scena, band post-rock strumentale che fonde le atmosfere oniriche e dilatate del post-rock con intrecci ritmici del math-rock, e Peekaboom, il duo alle prese con contrabbasso, voce e live-looping Ableton.

La rassegna ufficiale di Time Zones animerà i fine settimana tra ottobre e novembre, con partenza venerdì 20 negli spazi di Anche Cinema Royal. Protagoniste della serata saranno due formazioni di altissimo interesse: i primi sono i Saroos, provenienti da Berlino e Monaco, side-project tra elettronica e post-rock dopo l’esperienza in gruppi storici della scena tedesca come Notwist e Lali Puna. A seguire, uno degli esponenti di punta del minimalismo, il sassofonista e compositore Jon Gibson, originario della West Coast e trapiantato a New York, dove diventa partner storico di Philip Glass. Assieme a lui sul palco ci sarà Britton Powell, compositore e performer di base a Brooklyn, i cui lavori sono stati commissionati per performance in tutto il pianeta. Il finale di serata è invece affidato al progetto di suoni e immagini “Visitations”, a cura di Luigi Morleo e Niccolò Mastrolonardo.

Sabato 21 ci si sposta all’Eremo Club di Molfetta per uno dei concerti più attesi della stagione, quello di Alexander Hacke e Danielle De Picciotto. Entrato come chitarrista e produttore nei mitici Einstürzende Neubauten nel 1980, nel 2005 pubblica l’album solista “Sanctuary”. Nel 2006 sposa la De Picciotto, artista multimediale americana trapiantata a Berlino e cantante degli Space Cowboys, famosa anche per aver dato vita alla Love Parade. A Time Zones presenteranno l’album “Perseverantia”, uscito a maggio del 2016. Nella stessa serata si esibirà anche Claudia Ferrari, in arte Missy Jay, artista di techno, minimal, tribale e funky. L’artista gira il mondo proponendo set estremamente coinvolgenti ed è resident a Ibiza ormai da anni.

Il 27 ottobre, nell’Auditorium Showville, altro grande evento con il noto Jeff Mills, innovatore, profeta e autentica leggenda della techno. La sua è una produzione sterminata, con alcuni dischi davvero epocali ed incalcolabili dj-set in giro per il mondo. Ha realizzato decine di progetti trasversali tra le arti, passando dalla fantascienza allo spazio, dall’afrofuturismo all’elettronica e alla vera contaminazione. Quella che verrà presentata in esclusiva nazionale a Time Zones è l’ultima versione di “The Trip”.

Sabato 28 ottobre si torna all’Eremo Club di Molfetta con quattro esibizioni: alle 21,30 si parte con Mary Ocher, cantautrice di origine russa trapiantata in Israele, la cui cifra stilistica è composta da chitarra, synth e vocalizzi eterei. Alle 22,30 arriva Bebawinigi, cantante, compositrice, polistrumentista ed attrice, alle prese con rock, industrial e new wave. A seguire è la volta di Sun Yufka con un progetto che si muove da mercati metropolitani a montagne tropicali, mentre la chiusura della serata è per la console di DJLag, riconosciuto come il principale pioniere della Gqom, il suono che unisce Durban, Londra e Roma.

Time Zones Bari

Times Zone: il programma di novembre

Il primo novembre ad Anche Cinema Royal si passa a Resina, alias di Karolina Rec, violoncellista e compositrice che vive a Varsavia. Laureatasi all’Accademia Musicale di Danzica e all’Università di Danzica, è da sempre attiva nella scena musicale indipendente e co-fondatrice di alcuni dei più influenti gruppi alternativepolacchi. Il suo album di debutto, molto autobiografico e uscito nel 2016, è il risultato di esperimenti con violoncello e semplici strumenti elettronici. Nella stessa serata ci sarà Sarathy Korwar, nato negli Stati Uniti, cresciuto in India ed attualmente residente a Londra; nel suo percorso è diventato un abile suonatore di tabla classica e drum-kit, ponendosi al fianco di grosse firme del panorama jazz internazionale. Ora, grazie anche alla prestigiosa Ninja Tune, la sua opera è diventata un successo anche oltre oceano.

Venerdì 3 novembre Time Zones sarà nuovamente ad Anche Cinema Royal, dove arriva Maarja Nuut, violinista e cantante dell’Estonia settentrionale. La sua musica combina brani tradizionali con l’elettronica, creando un intricato suono dove il minimalismo e la musica sperimentale incontrano le tradizioni musicali di un villaggio nordico dell’Europa pre-guerra. A seguire saliranno sul palco Las Hermanas Caronni, due sorelle gemelle argentine che mettono al centro della loro musica l’eleganza e l’intimismo, ma con un suono intenso che proviene da arrangiamenti minimalisti e inventivi.

Altro grande evento è quello del 10 novembre all’Auditorium Vallisa con Rayon, il progetto solista di Markus Acher, cantante e chitarrista dei Notwist, ex-membro dei Lali Puna e fondatore dell’etichetta Alien Transistor. L’ossimorico accostamento tra battito e silenzio identifica la sua seconda esplorazione in un universo di microsuoni elettro-acustici, condensato in una sequenza di brevi bozzetti strumentali. Lounge, tropicalismo e post-modernariato vintage si fondono nella sua ricerca sonora, sospesa in una onirica dimensione a mezz’aria. La chiusura della manifestazione si terrà invece sabato 11 novembre con Panji & Feldmanghosts all’Auditorium Vallisa, ensemble con danzatore tradizionale di Giava che combina scrittura, improvvisazione e materiali elettroacustici.

Continua anche per l’edizione trentadue la collaborazione fra Time Zones e la Compagnia Diaghilev con il trittico di Literature & Le Direzioni Del Racconto, una rassegna nella rassegna che si svolgerà dal 7 al 9 novembre con la guida creativa di Paolo Panaro. Al centro degli appuntamenti – tutti programmati negli spazi dell’Auditorium Vallisa – assieme a lui ci saranno Christian Lavernier con un lavoro sulla poesia italiana dal 200 al 500 (7 novembre),Paki Zennaro e Paolo Panaro con Bacco in Toscana (di Francesco Redi, 9 novembre), Piero Romano Matarrese con Les Maudits (10 novembre).

9 su 10 da parte di 34 recensori Fine settimana a Bari sulla via delle musiche possibili Fine settimana a Bari sulla via delle musiche possibili ultima modifica: 2017-10-12T02:53:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento