Statale di Milano. Non ci sarà il numero chiuso alle facoltà umanistiche

La Statale di Milano ha rinunciato al ricorso al Consiglio di Stato contro l’ordinanza del Tar del Lazio che aveva accolto la richiesta fatta dall’Udu. Non ci sarà il numero chiuso alle facoltà umanistiche Da venerdì aperte le immatricolazioni per Filosofia, Lettere, Scienze dei Beni culturali, lingue e letterature straniere, Storia, Scienze umane dell’ambiente, del territorio e del paesaggio.

studentiL’Università in un comunicato ha informato della scelta operata dal Rettore. Gli universitari potranno iscriversi ai corsi di laurea che hanno scelto senza sostenere alcun test di ingresso. Per chi aveva versato il contributo per la domanda di ammissione ai test, arriverà il rimborso della somma.

Era stato il Rettore Gianluca Vago ad annunciare il ricorso con procedura urgente il giorno dopo l’ordinanza del Tar del Lazio, che aveva costretto l’ateneo a sospendere i test di ingresso in programma per le facoltà umanistiche. Poi è subentrata la questione dei tempi e la Statale ha deciso di rinunciare.

“La Statale di Milano ha deciso di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato, rimandando al giudizio di merito la difesa delle proprie posizioni”. Si legge in una nota. Per gli studenti, questa è “una vittoria su tutta la linea”. Il numero chiuso secondo il sindacato degli studenti “va superato”, in tutte le facoltà.

Lascia un commento