Stupri Rimini. Arrestato il capobrano Guerlin Butungu: è un rifugiato

Hanno aggredito una coppia di giovani polacchi, stuprato la donna e picchiato brutalmente lui. Hanno anche violentato nella stessa notte un trans peruviano e assalito un’altra coppia alcuni giorni prima sempre a Rimini.

E’ stato arrestato anche il capobranco Guerlin Butungu, congolese di 20 anni. Stava provando a fuggire in treno. Gli altri tre stupratori stranieri (tutti minorenni) sono stati presi (due si sono costituiti, l’altro è stato rintracciati).

La Polonia ringrazia l’Italia

Su Twitter la polizia italiana pubblica il ringraziamento dei colleghi della Polonia“La polizia polacca ringrazia i colleghi della Squadra mobile della questura di Rimini per l’azione investigativa che ha portato a cattura presunti autori stupri”.

Guerlin Butungu

Il ventenne rifugiato stupratore

Fa ancora più rabbia pensare che il capo di questi “barbari” è un rifugiato accolto nel nostro Paese a Vallefoglia, nel Pesarese. Butungu era nascosto in stazione a Rimini. E’ stato preso dagli agenti dello Sco e della Squadra mobile. Gli investigatori stavano monitorando il suo cellulare. Avevano scoperto che si stava sostando da Pesaro a Rimini, dove è stato fermato per essere portato in Questura.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento