Missaglia. Italiana convertita picchia i figli: non volevano imparare il Corano

Una bambina di 9 anni e di un bambino di 13 anni venivano picchiati  a Missaglia nel Lecchese. Le botte venivano inferte da un’italiana convertita all’Islam e dal compagno tunisino.

I bimbi venivano picchiati perché non volevano leggere e studiare a memoria i precetti contenuti nel Corano. I due sono stati denunciati per maltrattamenti in famiglia.

velo islamico

L’allarme dei nonni materni

I genitori della connazionale avevano percepito il comportamento violento della figlia e hanno dato l’allarme. Gli agenti della squadra mobile di Lecco hanno riscontrato che i bambini  non potevano giocare con altri né frequentare i loro parenti. Era loro proibito guardare la tv e utilizzare il cellulare.

La bimba era costretta ad indossare lo hijab, il velo che copre capelli e collo, lasciando scoperto soltanto il viso.

Nel corso delle audizioni protette, i due hanno raccontato agli psicologi di essere stati oggetto di continue minacce e percosse. Se non si svegliavano in tempo per la preghiera, erano vittime di punizioni corporali o venivano tenuti prigionieri per ore nella loro camera.

Bimbi ora in comunità

I due bimbi si trovano in una comunità protetta e spetterà ai giudici del Tribunale dei minori di Milano decidere, insieme agli assistenti sociali, a chi affidare i due piccoli.

Lascia un commento