Riconsegnata ai familiari la salma di Anis Amri

La famiglia di Anis Amri, originaria di El Oueslatia, ha pagato quasi 4 mila euro per il rimpatrio e la consegna del cadavere dell’attentatore tunisino del mercatino di Natale a Berlino, ucciso a Sesto San Giovanni il 23 dicembre durante un conflitto a fuoco con la Polizia. La salma è stata quindi riconsegnata ai familiari per le esequie funebri.

Lascia un commento