Estate a Roma: la bellezza dei castelli Romani

Voglia irrefrenabile di visitare i castelli romani? Benissimo… scegliamo la dimora dove soggiornare per raggiungere con facilità questi meravigliosi luoghi sinonimo di pace e tranquillità a due passi da Roma.

Castelli Romani

Visitare Roma è d’obbligo almeno una volta nella vita, ma dopo aver trascorso giornate nell’impareggiabile bellezza della città eterna, non si può non lasciarsi ammaliare dalla scenografia dei 17 comuni alle pendici dei colli Albani. I castelli romani sono situati appena fuori la capitale e, precisamente, ad una ventina di chilometri al sud di essa. Si tratta di antichissimi borghi con acciottolati lucidi e con caratteristiche abitazioni che sono sorte appena sotto i castelli storici. Si, perché in quei posti ci sono i castelli che assomigliano a quelli delle fiabe che ci raccontavano da bambini. I Colli Albani ne posseggono pochi ma se si fa una capatina su e giù per i pendii scoscesi di queste zone da favola se ne incontrano diversi, un tempo dimore di pontefici o di famiglie romane patrizie che arrivavano sul posto per villeggiare.

Ci sono esattamente 17 piccoli paesini, o meglio villaggi che, un tempo, erano collegati da una linea tranviaria. Visitare quest’oasi di bellezza e pace è come dare spazio alla propria fantasia e allontanarsi per qualche tempo dalla vita frenetica e dal vortice del caos quotidiano, in cui si viene inevitabilmente trascinati. Nel magnifico scenario racchiuso tra i laghetti vulcanici di Albano e il parco regionale, si trova serenità, ci si ritempra e si assaporano aromi di un tempo che difficilmente si ritrovano nei posti in cui viviamo. Una delle cose irrinunciabili dei castelli romani è la sosta in una delle tipiche trattorie del posto, o meglio fraschette caratteristiche dove abbandonarsi allegramente in un tripudio di profumi e sapori caserecci. Le tavole apparecchiate con le classiche tovagliette a quadri sono in bella vista in quelle che una volta erano aie, in viuzze con le bifore antiche dove è possibile intravedere donne con candidi grembiuli bianchi come lo zucchero filato che si cimentano nella preparazione di pietanze accanto a forni a legno e griglie che arrostiscono la carne sui legnetti di ulivo. Le pietanze sono di quelle genuine, realizzate con gli ingredienti poveri come le verdure, le classiche puntarelle romane con le alici, le bruschette, le fettuccine cacio e pepe, i rigatoni con la pajata e la trippa. E come tocco finale, non manca mai il caloroso oste che ringrazia della visita con l’offerta di una fraschetta di vino, quello buono s’intende, quello fatto dai vinai del posto e messo ad invecchiare nelle botti di rovere al fresco delle antiche cantine in pietra di tufo. Lo potrete sorseggiare gustando il dolce del posto, la ‘pupazza frascatana’ un preparato croccante e saporito di miele e pasta frolla a forma di donna con tre seni, sagoma strana ma che ha un significato. Si narra infatti, che i bambini dei castelli venissero allattati oltre che con il latte materno, anche con il vino che succhiavano dal capezzolo del terzo seno. Leggende naturalmente, ma che lasciano incantato chi le ascolta.

Meglio ancora se capitate nel periodo in cui si svolge l’infiorata di Genzano, perché potrete ammirare gli scenografici tappeti di fiori sistemati ad arte per la processione della festa del corpus domini. Preferite fare un pasto veloce per ammirare le bellezze del luogo? Non mancate all’appuntamento con un buon panino con la porchetta di Ariccia che fa parte di quella gastronomia locale rinomata in tutto il mondo. Si tratta di un maialino aromatizzato cotto a fuoco lento per ore ed ore e se la vostra vacanza si svolge nei primi di Settembre, assisterete ad una delle sagre più applaudite, la sagra della porchetta da assaggiare con un corposo bicchiere di vino dei castelli romani.

Impensabile visitare i castelli romani in un solo giorno! Occorre una dimora dove alloggiare per brevi periodi di vacanza in estate o in qualsiasi periodo dell’anno. Come non percorrere i sentieri incontaminati del parco dei Castelli romani ricco di laghi vulcanici ‘Albano e Nemi‘e di boschi dalla fittissima vegetazione? Insomma, trascorrere una giornata nel parco vicino alla famosa Rocca di Papa, non ha prezzo ed i suoi sentieri possono essere percorsi a piedi oppure con le mountain bike a noleggio. Dalla parte opposta del lago di Nemi è possibile ammirare il paese che prende il nome di ‘paese delle fragole’ per i suoi succulenti frutti che hanno il sapore leggermente selvatico. Il borgo è stupendo, incorniciato da fiori di ogni tipo e con l’aspetto medioevale che ha ispirato numerosi disegnatori e scrittori. Dalla via dei laghi si riscende verso Castel Gandolfo terminando il giro a cerchio o, in alternativa, ci si può allungare fino a Marino per vedere la bella fontana dei mori o per assistere alla festa dell’uva quando, grazie ad un sapiente meccanismo, dalla fontana esce vino invece che acqua.

Come vedete non basta un giorno per ammirare la bellezza dei castelli romani e conviene alloggiare in un appartamento completo di ogni comodità nei pressi di Roma, dove tornare la sera per pernottare. Uno di questi alloggi prestigiosi è Dimora Ciampino situata in un posto tranquillo a pochi chilometri dalla capitale e a solo un minuto di tragitto a piedi per arrivare alla stazione. In una decina di minuti si arriva comodamente a Roma Termini. Una casa vacanze del genere è conveniente per le famiglie, per le coppiette che vogliono trascorrere un week end romantico ai Castelli Romani e per tutti i turisti che hanno voglia di visitare quei luoghi che sembrano usciti da una favola.

Lascia un commento