Integratori all’Echinacea: scopriamo qualcosa di più

Integratori naturali: a cosa servono

L’integrazione alimentare mediante integratori naturali a base di erbe è oggi sempre più diffusa. Questo perché siamo quotidianamente soggetti a ritmi di vita intensi e stressanti che portano il nostro organismo ad un dispendio energetico notevole. Quest’ultimo si traduce, all’interno del nostro corpo, in un utilizzo di risorse e nutrienti tale che, attraverso la sola alimentazione, non siamo più in grado di supplire alla richiesta di sostanze utili al corretto svolgimento delle attività metaboliche interne. Per tale ragione capitadi affrontare periodi nei quali ci sentiamo più stanchi fisicamente e mentalmente, in cui ci ammaliamo con più facilità, in cui siamo maggiormente soggetti a disturbi articolari e così via.

Come la ricerca in ambito fitoterapico sta dimostrando, l’utilizzo di principi vegetali specifici contenuti in determinate piante o erbe può mantenere l’equilibrio e il benessere del nostro corpo più a lungo nel tempo, aiutare l’organismo a superare i periodi di maggiore stress psicofisico e, soprattutto, a contrastare i possibili disturbi a cui il nostro fisico può andare incontro in condizioni di carenze di nutrienti e micronutrienti. Gli integratori naturali possono essere di diverso tipo e, solitamente, molti di questi contengono più di un principio benefico.

Tra questi quelli a base di Echinacea sono molto utili per favorire il benessere organico e la prevenzione di malanni durante i periodi in cui siamo più stanchi e stressati.

Proprietà dell’Echinacea

L’Echinacea (Echinaceaangustifolia) è una pianta appartenente alla famiglia delle Composite (quelle di cui fa parte la margherita e il girasole) assai famosa per la sua capacità di stimolare il sistema immunitario. Tra le proprietà di questa erba riconosciute scientificamente troviamo quelle di:

  • favorire le naturali difese dell’organismo. All’interno della sua radice sono infatti presenti polisaccaridi che agiscono stimolando la risposta immunitaria, in particolare quella dei linfociti. La pianta contiene inoltre flavonoidi, sostanze che vengono utilizzate dalla pianta nella difesa contro batteri e funghi e che, nel nostro organismo, hanno azione antibiotica e batteriostatica. La stessa echinaceina ha proprietà antiinfiammatorie molto spiccate.

  • aiutare la funzionalità delle vie urinarie. Grazie alla presenza di sostanze come l’acido caffeico, l’Echinacea ha una spiccata azione antibatterica e antivirale in grado di agire sulle vie urinarie e di contrastare cistiti ed infiammazioni delle zone intime.

  • agire positivamente sulla funzionalità delle prime vie respiratorie. Grazie alle proprietà immunostimolanti che possiede la pianta, l’assunzione regolare dei suoi principi vegetali aiuta a prevenire, soprattutto nei periodi di maggior stress, l’insorgenza di malattie da raffreddamento.

L’Echinacea è inoltre impiegata anche per uso esterno in lozioni e pomate ad azione protettiva e antiinfiammatoria. Sembra inoltre che la pianta aiuti anche ad accelerare la rigenerazione tissutale.

Integratori di Echinacea sono consigliati perché contenenti la giusta dose di principi attivi che risultano maggiormente assorbibili dall’intestino anche in virtù di formule brevettate che ne prevedono l’associazione a molecole lipidiche. Solitamente l’Echinacea affianca altri principi vegetali specifici per disturbi che coinvolgono la risposta immunitaria del corpo, come nel caso dei disturbi dell’apparato locomotore. I disturbi articolari infatti sono spesso legati al rilascio di sostanze infiammatorie che colpiscono i tessuti articolari, causando dolore e rigidità delle articolazioni. Accanto all’utilizzo di sostanze naturali in grado di favorire la correttafunzionalità articolare, come nel caso della curcuma, per potenziare l’effetto antiinfiammatorioviene impiegataanche l’Echinacea.

Lascia un commento