Villongo. La dipendente comunale Donatella Chiari investe e uccide Beshmata Agron

Maria Ori Belometti, sindaco di Villongo, si dice “scossa per l’accaduto”. Donatella Chiari da un anno era stata trasferita dall’ufficio tributi in biblioteca a seguito di un’indagine sui cosiddetti furbetti del cartellino.

violenza

Donatella Chiari ferita dall’albanese

La donna di 43 anni è stata condotta all’Habilita di Sarnico per dei controlli e cure a un braccio dove essere stata ferita in modo lieve durante la discussione con lo straniero.

Tragedia in via Roma a Villongo

Il dramma si è consumato nel parcheggio della biblioteca. La donna di Chiari si è trovata di fronte Beshmata Agron, 44 anni, albanese anche lui residente a Chiari, che nell’ultimo periodo la perseguitava.

L’uomo si è presentato fuori dal luogo di lavoro della donna con un coltello e lei, per sottrarsi al tentativo di aggressione, è salita in auto fuggendo. L’albanese si è aggrappato allo specchietto dell’auto ed è stato investito in modo accidentale, morendo poco dopo.

Donatella Chiari non è indagata

La donna ha spiegato ai Carabinieri e al magistrato di turno che da qualche tempo pare che l’albanese si fosse invaghito di lei, che è sposata e madre di un bambino. Anche lo straniero era sposato con una connazionale e padre di due figli. I due si conoscevano da anni ma la Chiari ha precisato di non avere mai avuto rapporti intimi con l’uomo.

Di fronte ai suoi rifiuti, l’avrebbe minacciata via messaggi e di persona e, domenica sera a Chiari, aveva anche speronato la sua auto. La donna si era presentata alla locale stazione senza però formalizzare alcuna denuncia. I militari avevano chiamato in caserma anche l’albanese.

La donna non è stata indagata. Per la Procura di Bergamo non si configurerebbe alcun reato. La donna stava fuggendo da una aggressione che avrebbe potuto avere anche esiti mortali per lei e non avrebbe investito volontariamente Beshmata Agron. Dato il nulla osta per la restituzione della salma ai familiari.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin