La giunta Raggi stanzia un milione e mezzo per le scuole romane

Campidoglio Marco AurelioMessi a disposizione dal Campidoglio un milione e mezzo di euro per lavori di piccola manutenzione ordinaria delle scuole. Le scuole potranno eseguire lavori al di fuori di quelli condotti dalle Unità Tecniche Municipali. Le operazioni garantiranno l’eliminazione di difetti, guasti e danneggiamenti provocati dal deterioramento per l’uso degli edifici.

La somma sarà suddivisa tra tutti gli Istituti comprensivi che facciano formale richiesta: una quota pari al 60% della somma totale sarà ripartita in proporzione al numero degli studenti iscritti a ciascun istituto; la restante quota, pari al 40%, verrà ripartita in proporzione al numero di edifici scolastici dei quali è costituto ciascun istituto.

Il contributo a beneficio di ogni Istituto non potrà superare l’importo di 10 mila euro e sarà differenziato seguendo due categorie:

Relativamente alla quota del 60%, secondo tre fasce di capienza: 1) da 600 a 900 studenti; 2) da 901 a 1200 studenti; 3) sopra i 1201 studenti.

Relativamente alla quota del 40, in base alla consistenza degli edifici scolastici: 1) da 1 a 2 edifici; 2) da 3 a 4 edifici scolastici; 3) sopra i 4 edifici scolastici

Ogni dirigente scolastico dovrà trasmettere la richiesta per l’accesso al contributo entro il 24 maggio. Il Consiglio d’Istituto potrà approvare apposita deliberazione entro il 30 giugno e, successivamente, trasmettere il rendiconto delle spese sostenute al Municipio di competenza e al Dipartimento Servizi educativi e scolastici. Le somme andranno utilizzate entro l’anno finanziario corrente, cioè non oltre il 31 dicembre 2017. Gli eventuali importi non spesi torneranno a disposizione dell’amministrazione.

9 su 10 da parte di 34 recensori La giunta Raggi stanzia un milione e mezzo per le scuole romane La giunta Raggi stanzia un milione e mezzo per le scuole romane ultima modifica: 2017-05-09T03:39:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento