Reggio Calabria. Sequestrati beni ad un imprenditore appartenente al clan Rosmini

I Finanzieri reggini hanno sequestrato beni per 2.5 milioni di euro, riconducibili ad un imprenditore ritenuto membro del clan Rosmini, già detenuto per associazione mafiosa. Sequestrati 1 ditta, 6 immobili, 3 autovetture e numerosi rapporti finanziari.

La Guardia di Finanza, mediante accurate indagini, ha ricostruito tutto il patrimonio riconducibile in modo diretto e indiretto all’uomo e ai familiari, e accertato la sproporzione fra tale patrimonio e i redditi dichiarati.

Lascia un commento