5.405 firme raccolte in Val Gardena per ripristinare il Pronto soccorso

Una delegazione ha avuto un incontro con l’assessore alla sanità Martha Stocker che ha riferito di trattative “per fare in modo che il servizio possa essere garantito dai medici di base che abbiano svolto una specifica attività di formazione”. “Si sta lavorando alle basi giuridiche per un’operazione di questo tipo”.

Su base nazionale, il servizio di Pronto soccorso può essere svolto solo da medici di urgenza territoriali che svolgono questa attività in maniera esclusiva, mentre questa opportunità è preclusa ai medici di base.

“La garanzia di un’assistenza capillare sul territorio – ha evidenziato Martha Stocker – rimane una delle nostre principali priorità: la riattivazione del servizio di Pronto soccorso con l’impiego di medici di base adeguatamente formati è una possibilità che trova il consenso non solo della Provincia, ma anche delle stesse organizzazioni sindacali, ed è uno degli argomenti al centro delle trattative per il contratto integrativo”.

9 su 10 da parte di 34 recensori 5.405 firme raccolte in Val Gardena per ripristinare il Pronto soccorso 5.405 firme raccolte in Val Gardena per ripristinare il Pronto soccorso ultima modifica: 2017-02-17T18:48:19+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento