Napoli. Quarantenne morto per febbre alta: esclusa meningite

L’uomo di 46 anni morto a Napoli dopo aver avuto la febbre alta non è deceduto per meningite. Lo riferisce l’Asl Napoli 1 Centro che ha certificato la morte del paziente “per fibrillazione ventricolare in soggetto già cardiopatico”.

L’accadimento non può essere collegato a decesso per malattia infettiva da meningococco”. E’ scritto in un comunicato stampa.

Lascia un commento