Commercio sul web: un fenomeno a 360°

Da quando il web ha invaso le nostre vite, si può sostenere che nulla è stato più come prima. Soprattutto per quanto riguarda le abitudini d’acquisto dei consumatori che, stregati dalle numerose opportunità concesse dagli e-commerce, hanno scelto di abbracciare la filosofia dello shopping online e di non abbandonarla più. Ed i dati, da questo punto di vista, sono più che eloquenti: stando alle indagini dell’Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano, infatti, il tasso di crescita dei negozi elettronici in Italia ha fatto registrare dati da record. Ovvero una crescita del +18% rispetto al 2015, che corrisponde ad un fatturato extra di circa 20 miliardi di euro. Ed in questo mercato online che cresce a dismisura, ecco che anche gli smartphone di ultima generazione si inseriscono in una logica di acquisti sempre più mobile, ovvero non legata ad uno shop fisico o ad una situazione ben precisa. In base a quanto visto finora, appare chiaro che anche in Italia l’online sia oramai diventato il traino del comparto delle vendite.

Shopping online: quali sono i settori di maggior successo?

Quando si parla di crescita delle vendite online, non si può non indicare quali sono i settori ad aver causato questo vero e proprio boom: da questo punto di vista, il comparto dell’abbigliamento, dei prodotti beauty e dell’elettronica regna ancora sovrano su Internet, mentre ha conosciuto un interessante aumento anche il numero di vendite sul web nel settore del Food & Grocery. Da ciò si evince quanto il mercato delle vendite online si stia evolvendo sempre di più: non solo i servizi più tradizionali sono disponibili online ma anche quelli che fino a poco tempo fa erano considerati come appannaggio dei negozi fisici. Ormai sul web esiste ogni tipo di soluzione: un esempio di questa evoluzione riguarda il settore musicale, con alcuni e-commerce che permettono addirittura di effettuare le permute di strumenti musicali, un servizio che fino a qualche tempo fa era impossibile pensare di trovare sul web.

Aumentano gli investimenti pubblicitari sul web

Dato che il mercato corre sul web, le aziende devono necessariamente adeguarsi anche ad un target sempre più digitale, dunque legato alle ricerche su motori di ricerca come Google e alla frequentazione di piattaforme social come Facebook. Colpirli proprio durante questi momenti diventa la priorità per chi ha intenzione di vendere un prodotto o servizio, e non è dunque un caso che il tasso di investimento medio in web marketing e advertising sia salito del +9%, corrispondente a circa 200 milioni di euro in più rispetto al 2015. Il motivo? Affidarsi ad una web agency capace, oggi, rappresenta la via migliore per sfruttare il web non solo come canale di vendita, ma anche come canale promozionale: da Google AdWords a Facebook Ads, sono tantissimi gli strumenti che consentono ai negozi di aumentare il numero di visite presso il sito o e-commerce, di aumentare le conversioni in acquisto e, di riflesso, di accrescere il fatturato e la brand awareness di un marchio.

 

Lascia un commento