Emergenza ratti e nutrie: brutte gatte da pelare per i romani

Un degrado senza precedenti che investe la città eterna. Una situazione insostenibile che è sotto gli occhi di tutti e del mondo intero che guarda a Roma come un patrimonio dell’umanità. Le immagini parlano chiaro e i social media sono impietosi quando si tratta di fare denunce. La rabbia dei romani monta. Topi di grosse dimensioni spuntano ovunque in ogni angolo dal centro alla periferia. Ora – denunciano anche i quotidiani romani – hanno fatto capolino le nutrie, lunghe almeno 50 centimetri. Spuntano fuori dai canali di scolo o dal Tevere. Una sarebbe stata avvistata nei pressi del parcheggio dell’ospedale Fatebenefratelli. Gli avvistamenti di ratti per le scuole di Roma è frequente. La grandezza dei roditori che spopolano per le vie dell’Urbe va aumentando.

Roma: emergenza topi

La Capitale è finita in una situazione senza precedenti e non si assiste a miglioramenti nonostante gli sforzi profusi dal Campidoglio e anche da normali cittadini. E’ vera e propria emergenza topi. Gli avvistamenti sono frequenti come in zona Cassia. E i gatti da soli non bastano per arginare il fenomeno entrato davvero in una fase emergenziale senza precedenti.

Un’emergenza che dura da tempo

In diversi quadranti la presenza di animali e insetti molesti perdura nel tempo e in questi ultimi anni è divenuto un fenomeno difficile da arginare. A creare disagi non sono solo i ratti ma anche le blatte e altri insetti che entrano nelle case, di noma attraverso gli scarichi. L’indizio dell’infestazione è dato dalla presenza delle blatte sotto il lavello della cucina. Non bisogna assolutamente sottovalutare il problema. L’ideale è chiamare subito una società specializzata in disinfestazioni. Ricercando sul web troviamo ad esempio il sito https://disinfestazioni.roma.it/ dove trovare la risposta efficace in caso di emergenza.

Le infestazioni nelle abitazioni

I locali più interessati dalle infestazioni di animali molesti sono le zone dove si annida l’umidità, in particolare la cucina e il bagno. Questi inquilini fastidiosissimi si nascondono tra i mobili, in ogni angolo dell’abitazione. Nel caso specifico dei topi sono in cerca di qualcosa da mangiare. Per sfrattare gli ospiti indesiderati si può iniziare con il limitare l’accesso agli alimenti. Se non trovano il cibo si sposteranno altrove. Ratti e blatte sono però onnivori, in pratica si nutrono di ogni cosa che trovano sulla loro strada. Non sarà facile mandarli via a meno che non si chiami una ditta specializzata soprattutto se non li vuole ritrovare alla nostra tavola imbandita per le Feste.

Questi animali molesti sovente richiamano i loro simili. Se hanno facile accesso a luoghi dove si trova cibo, l’infestazione può espandersi a macchia d’olio anche riproducendosi. Non bisogna perdere tempo e appena ci si trova di fronte al problema è necessario estirparlo alla radice. Il professionista delle disinfestazioni assume un ruolo fondamentale. Non solo risolverà il problema in essere ma soprattutto analizzerà la fonte di derivazione dello stesso e offrirà strumenti e consigli per evitare che si possa ripetere una nuova infestazione. In questo giocherà un ruolo fondamentale anche la propensione personale a seguire i suggerimenti forniti. E naturalmente le condizioni ambientali esterne dove c’è bisogno di un intervento massiccio e complessivo.

I topi

I roditori rappresentano un pericolo per la salute umana. Con loro non bisogna scherzare affatto. Bisogna sempre prestare attenzione ad individuare la loro presenza. Se troviamo qualcosa di rosicchiato potrebbe esserci un amico non gradito in casa. Ad essere aggredito può essere il legno o anche altri materiali presenti in abitazione. Un primo avviso della visita dei topi all’interno può essere rappresentato da oggetti morsicchiati in modo eloquente. Si vedranno delle strutture in legno danneggiate da morsi di topi in particolare in basso nei punti più a portata di topo. Da notare una doppia rosicchiata tipica del roditori. I topi non risparmiano neanche fili elettrici, telefonici, tessuti, cavi. I topi lasciano per casa i loro escrementi che hanno forme differenti e non vanno oltre i 6 millimetri come lunghezza. Si presentano di colore scuro e sono quasi invisibili. Guai a vederne troppi. La colonia di topi in casa sarà molto nutrita o avrà trovato alloggio da diverso tempo. Per la cronaca i topi generano 80 escrementi al giorno. Anche questo dato aiuterà a capire da quanto tempo i topi albergano clandestinamente in casa.

La presenza dei roditori

Altro indizio per verificare se ci sono topi in appartamento sono possibili macchie che non vanno via facilmente e sono piuttosto vistose. La pelliccia dei topi, infatti, porta molto sporco e polvere che si annidano nelle stanze dove i roditori sono passati o peggio ancora risiedono contro la nostra volontà. Si potrebbero vedere delle macchie significative anche sulle pareti di casa. Le macchie in questo caso sono determinate dallo sporco ma anche dal grasso del corpo che viene lasciato in giro dai topi.

Prestare attenzione all’appartamento su tutto i fronti è sempre buona regola per vivere in un ambiente salutare soprattutto se si vogliono notare in tempo presenze indiscrete che possono arrecare danni alla casa e alla nostra salute. Un’altra prova della presenza dei topi può essere la presenza di un animaletto stecchito. O il cattivo odore tipico rilasciato da questi animali piccoli e fastidiosi, che sa di ammoniaca ed è molto sgradevole soprattutto se si avverte in ambienti dove si consumano i pasti o dove si fa il bagno. L’odore è un cattivo presagio. Rappresenta uno degli indizi più significativi dell’esistenza in casa dei topi. I topi tra di loro si annusano e si studiano! Chi ha il sospetto della loro presenza deve quindi imparare a riconoscerli in modo da chiamare per tempo un professionista che possa provvedere a debellare questi animali molesti.

Una volta verificato che sono in casa, soprattutto in presenza di bambini piccoli, non bisogna indugiare oltre. Non puntare su soluzioni fai da te che possono essere solo da tampone ma alzare il telefono o mandare un’email e chiedere un pronto intervento.

Topi: come scoprirli

Per chi volesse in ogni caso fare un tentativo per verificare la presenza dei topi, potrà spargere del talco o della farina dopo avere pulito accuratamente l’abitazione. Uno dei due prodotti va collocato in aree dove i topi potrebbero essere nascosti come ambienti a contatto con l’esterno ma anche le cucine e gli angoli in prossimità dei battiscopa dei muri. Quando il topo attraverserà la zona dove c’è della farina, lascerà delle tracce. Saranno la prova certa della presenza dei topi in casa. A quel punto non bisognerà non perdere più tempo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Emergenza ratti e nutrie: brutte gatte da pelare per i romani Emergenza ratti e nutrie: brutte gatte da pelare per i romani ultima modifica: 2016-12-23T18:32:48+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento